Coelum Astronomia 215 - 2017 - Page 113

www.coelum.com

113

Lo spettacolo durò più di un’ora, piano piano i tre oggetti si avvicinarono alle pendici del massiccio dell’Antelao creando così un bellissimo quadretto. Per questa immagine ho usato un obiettivo con lunghezza focale di 90 mm, posa di 6 secondi, diaframma a f/4,5 e sensibilità a ISO 640.

Non contenta, controllai di nuovo la rivista e mi accorsi che due giorni dopo i due pianeti sarebbero stati alla loro minima distanza… e cioè a soli 30' d’arco! Non potevo perdermeli.

E infatti, due sere dopo, trovandomi in baita con degli amici a un’altitudine di 1800 metri, nella zona di Casera Razzo, approfittai di un momento di relax per riprendere l’evento. Purtroppo la zona della baita aveva degli alberi proprio in direzione ovest che mi oscuravano la vista ma non mi scoraggiai… Zaino in spalla raggiunsi un colle con la visuale libera a ovest. Il freddo non era eccessivo fortunatamente, grazie a una nicchia in un vecchio fienile in cui potei ripararmi. Attesi con calma l’inizio del crepuscolo: per prima fece ovviamente la sua comparsa Venere, sempre molto splendente, dopo circa 20 minuti iniziai a scorgere dapprima un timido ma poi sempre più deciso Marte, con il suo color rosso fiammante. Alcune nubi mi fecero temere il peggio, pensavo di non riuscire a scorgere l’evento, ma quelle formazioni erano leggere e mi resi conto che non facevano altro che rendere la scena più interessante. La Luce riflessa dai due pianeti veniva infatti amplificata, soprattutto quella di Venere che presentava addirittura una corona colorata. I due mondi distavano apparentemente solamente 30' d’arco….

Per questo scatto ho utilizzato il mio teleobiettivo con 400 mm di focale (l’immagine è stata poi ritagliata per mettere in evidenza due oggetti), posa da 1 secondo, ISO 1000, diaframma a f/5,6. La posa breve mi ha permesso di avere un

leggerissimo effetto strisciata solo per il pianeta Marte, che in questo caso ha messo in evidenza il suo colore rosso.

È giusto ricordare però che non sono solo Venere e Marte a regalarci questi splendidi spettacoli.