Coelum Astronomia 214 - 2017 - Page 96

propulsione RCS – quello addetto al controllo dell’assetto della sonda – è rimasto attivo nel caso Cassini avesse esibito segnali di una rotazione imprevista causata dall’attrito dei gas.

Intorno al passaggio, previsto per le 6:22 del 14 agosto, lo spettrometro INMS ha potuto per la prima volta assaggiare direttamente l’atmosfera del pianeta, descrivendo la densità di diverse specie di idrogeno molecolare, elio e un’ampia selezione di ioni. Allo stesso tempo, il radar ha operato in uno stato passivo che gli ha consentito di far luce sulle concentrazioni di ammoniaca presenti nell’atmosfera.

Nei due passaggi seguenti, Cassini abbasserà gradualmente la propria quota rispetto al livello di 1 bar: 1660 chilometri il 20 agosto e 1630 chilometri il 27 agosto.

Nel periapside del 2 settembre, Cassini avrà riguadagnato una decina di chilometri di quota, e nel passaggio seguente passaggio, quello delle 2:18 del 9 settembre, Cassini si riporterà altri 40 chilometri più in alto. In quest’ultimo passaggio, le fotocamere a bordo di Cassini scatteranno

un’iconica immagine degli anelli di Saturno visti da appena al di sopra del pianeta; l’immagine raggiungerà la Terra a partire dalle 9:29.

Titano, con il suo volto all’apparenza così simile a quello della nostra Terra, anch’esso ricoperto di vaste estensioni liquide, è forse la sorpresa portata alla luce dagli sforzi di Cassini che più rimarrà impressa nei nostri diari di esplorazione del Sistema Solare. Pare giusto, dunque, che la fine della missione avvenga per mano proprio di Titano.

L’11 settembre, da 84 mila chilometri di distanza, la luna darà un’ultima, leggera carezza alla sonda che, come una barca colpita da una lieve brezza, altererà appena la sua rotta, quel tanto che basterà per abbassare il periapside e portarlo

Sopra. La sonda Cassini entra nell’atmosfera di Saturno: sono i suoi ultimi secondi di vita… Gli strumenti sono attivi e trasmetteranno i loro dati a Terra fino a quando sarà possibile. Crediti: NASA-JPL-Caltech.

Coelum Astronomia

96