Coelum Astronomia 214 - 2017 - Page 30

Il congresso cancella ARM...

La NASA torna all’attacco

con DART!

di Marco Di Lorenzo - aliveuniverse.today

Anche se la “Asteroid Redirect Mission” è stata definitivamente cancellata, il “Double Asteroid Redirection Test” è entrato nella fase di progettazione preliminare.

Il mese scorso molti si rattristarono per la decisione della NASA che, a causa del mancato supporto finanziario da parte del Congresso americano, fu costretta a chiudere definitivamente il progetto Asteroid Redirect Mission (ARM) dopo anni di studi e di revisioni.

La missione ARM venne proposta nel 2013 e prevedeva, inizialmente, la cattura di un piccolo asteroide NEO (qualche metro di diametro); una volta deviato dalla sua traiettoria, sarebbe stato trasferito in orbita lunare e un equipaggio umano, partito da Terra con un razzo Orion, lo avrebbe studiato con calma. Successivamente, per ridurre i rischi, si ripiegò sull’idea di una missione “sample return” con l’atterraggio su un asteroide più grande e il prelievo dalla sua superficie di un masso di dimensioni contenute, da riportare a Terra. Uno dei potenziali obiettivi, tra l’altro, era proprio Bennu, il NEO verso il quale è diretta la missione Osiris-Rex.

La missione DART, al contrario, è più semplice e si propone di colpire un piccolo asteroide per studiarne gli effetti dinamici. La tecnica di impatto cinetico si basa sul lieve cambiamento di velocità di un asteroide pericoloso, tramite un impatto effettuato in largo anticipo per modificare l’orbita dell’asteroide quanto basta ad evitare la catastrofe. Anche in questo caso è previsto un motore a propulsione elettrica.

L’obiettivo di DART è un asteroide che avrà un approccio distante con la Terra nell’ottobre del 2022 e poi ancora nel 2024. L’asteroide è chiamato Didymos (gemelli in greco) perché è un sistema binario: Didymos A, circa 780 metri di diametro, e il piccolo Didymos B, di circa 160 metri, che è l’obiettivo di DART. Il sistema Didymos è stato studiato a partire dal 2003; l’oggetto primario è un asteroide di tipo S roccioso, mentre la composizione del suo piccolo compagno è sconosciuta.

Coelum Astronomia

30