Coelum Astronomia 214 - 2017 - Page 236

Coelum Astronomia

236

Sopra. L'immagine di SN2017fut in PGC5530, realizzata da Paolo Campaner con un riflettore da 400mm F.5,5 e CCD Atik 428ex. L'immagine è la somma di 12 immagini da 75 secondi.

Dopo oltre sei mesi senza scoperte (ci avevano abituati in passato a performance più esaltanti, diciamo pure da record), sono tornati a fare centro anche gli amici lucchesi del team dell’Osservatorio di Monte Agliale composto da Fabrizio Ciabattari, Emiliano Mazzoni e Mauro Rossi che nella notte del 29 luglio hanno individuato un nuovo transiente di mag.+17,7 nella piccola galassia a spirale PGC 5530 posta nella costellazione dei Pesci, distante circa 580 milioni di anni luce e situata a circa 4° a Nord-Ovest dalla stupenda e famosa galassia a spirale M 74. Nella notte del 2 agosto dall’Osservatorio di Asiago con il telescopio Copernico da 1,82 metri è stato ottenuto lo spettro di conferma. La supernova, alla quale è stata assegnata la sigla definitiva SN2017fut, è di tipo Ia scoperta circa una settimana dopo il massimo di luminosità, con i gas eiettati dall’esplosione che viaggiano ad una velocità di circa 9.900 km/s. Per Fabrizio Ciabattari, il principale scopritore amatoriale di supernovae italiano, si tratta della scoperta numero 74 che gli permette di raggiungere la settima posizione nella Top Ten mondiale, sopravanzando l’astrofilo inglese Mark Armstrong fermo da anni a quota 73 scoperte. La sesta posizione è però molto lontana ed occupata dall’astrofilo del Sol Levante Koichi Itagaki a quota 126 scoperte. Non mettiamo però limiti a Fabrizio, a cui vanno i nostri più sinceri complimenti per questo importante traguardo.