Coelum Astronomia 214 - 2017 - Page 216

Coelum Astronomia

216

Berkeley 98

40 cm, con oculare provvisto di filtro OIII. Nelle riprese, ben due stelle fanno capolino nel suo centro, nessuna delle due è però la nana bianca responsabile dell'irraggiamento della stessa. La nana bianca splende infatti di magnitudine +19,6 e per poterla riprendere è necessaria un'attrezzatura semi-professionale davvero di alto livello. Prestando una certa attenzione alle riprese di questa nebulosa, più che un anello essa sembra essere una sorta di cilindro inclinato verso il basso, ovvero verso nord, ciò spiegherebbe perché le parti più luminose sono quelle laterali, al contrario di quella superiore e inferiore nettamente più deboli, e soprattutto l'ellisse schiacciata dell'area oscura centrale.

AR 22h 42m 36,96s

Dec +52° 22′ 04,80″

Sicuramente più bello all’osservazione telescopica si presenta invece il poco noto Berkeley 98, situato circa a un terzo del percorso tra i due ammassi appena visitati. Sono infatti oltre una sessantina le componenti di questo ammasso, che si estende in direzione nord-sud per circa 6'. Le più luminose sono di dodicesima grandezza e

sembrano cingerlo sul bordo occidentale e

settentrionale mentre le restanti sono da una a due magnitudini più deboli. Data la quantità enorme di stelle di fondo, l’ammasso non si stacca subito con facilità da queste se non dopo una prolungata osservazione.