Coelum Astronomia 214 - 2017 - Page 212

Coelum Astronomia

212

Alle latitudini medio-settentrionali, la Lucertola transita esattamente allo zenit in prima serata, nei cieli di settembre. Stretta tra il Cefeo a nord, il Cigno a ovest, Pegaso a sud e Cassiopea e ancora Pegaso a est. Si estende per 201° quadrati (68a tra le 88 costellazioni per vastità), in un’area larga meno di 10° in senso longitudinale e alta 23°. In essa, le stelle con luminosità entro la quinta grandezza sono in tutto 13 e la più luminosa di esse è prossima alla quarta.

Gran parte della costellazione, soprattutto il quadrante settentrionale, è attraversata dalla Via Lattea, che arricchisce così la zona di un gran numero di ammassi aperti, nebulose planetarie e stelle variabili, senza contare che in tempi passati proprio qui fecero improvvisa comparsa alcune novae.

È pur vero che, anche se non propriamente luminose, le stelle della Lucertola sono disposte davvero a delineare l’andamento sinuoso caratteristico del piccolo rettile, tanto da poter definire in tranquillità che, a differenza della maggior parte delle costellazioni, quella della Lucertola è una di quelle che più si avvicinano alla figura che dovrebbero rappresentare. Le sue stelle

Aspetto e Visibilità

Sopra. Un’illustrazione storica della costellazione della lucertola tratta dalla Uranographia di Johannes Hevelius.