Coelum Astronomia 214 - 2017 - Page 195

www.coelum.com

Urano

Magnitudine: +5,7; Diametro apparente: 3,7".

Osservabile per tutta la notte

L'osservabilità di Urano migliorerà nettamente nel corso mese, durante il quale il remoto pianeta potrà essere cercato tra le stelle dei Pesci, muovendosi di moto retrogrado. Chi ha un'ottima vista e un cielo molto buio a disposizione potrebbe tentarne l'osservazione a occhio nudo, anche se si tratta di un'osservazione decisamente al limite: per apprezzarne il dischetto azzurrino occorre uno strumento da almeno 25 cm di diametro. A inizio mese sorgerà verso le 21:30, culminando verso le 04:16 a un’altezza di 58°; a fine mese levata e culminazione di Urano si anticiperanno di circa due ore, mentre il tramonto sarà comunque già a giorno inoltrato.

Nettuno

Magnitudine: +7,8; Diametro apparente: 2,4".

Osservabile per tutta la notte

Il 5 settembre Nettuno sarà in opposizione, per cui si troverà nelle ottimali condizioni di osservazione per tutto il mese, e lo si potrà cercare nell'Acquario. A inizio mese sorgerà verso le 19:50, culminerà verso l'1:30 e tramonterà alle 7:04, quando il cielo sarà già chiaro; a fine mese, come per Urano, levata, culminazione e tramonto di Nettuno anticiperanno di circa due ore.

FENOMENI E CONGIUNZIONI DI SETTEMBRE

Settembre è il mese delle congiunzioni molto strette e degli ampi allineamenti planetari, ma in condizioni di difficile osservazione, ma la soddisfazione non mancherà per chi si cimenterà nell’impresa.

Sarà sicuramente interessante seguire la danza di Marte e Mercurio, già nei primi giorni del mese, tra le stelle della costellazione del Leone. I due pianeti sorgeranno infatti sempre molto vicini, allontanandosi prima e avvicinandosi poi, a causa della veloce inversione di moto di Mercurio, fino a raggiungere la minima distanza di soli 18' il giorno 17. Si allontaneranno poi definitivamente solo verso la fine del mese. Per tutto il tempo, si troveranno in linea con Venere, che passerà dai 20° circa di distanza i primi del mese, fino ad avvicinarsi a Marte, a poco più di 3° di distanza a fine mese (distanza destinata poi a diminuire ulteriormente fino a soli 20', formando una bellissima congiunzione stretta nei primi giorni di ottobre). La Luna ovviamente non mancherà di intromettersi, arricchendo il quadro complessivo, ma si tratterà di una falce non ingombrante ed estremamente sottile, la cui luce sarà minacciata dal crepuscolo incombente.

L'allineamento planetario vedrà però schierarsi quattro astri, non solo i tre nominati. Si fingerà infatti “quarto pianeta”, grazie alla sua luminosità superiore a quella di Marte, la stella alfa del Leone, Regolo (mag. +1,4). Protagonista anch’essa degli allineamenti planetari che caratterizzeranno settembre, nel suo moto diretto vicino all’eclittica la vedremo in congiunzione stretta prima con Marte (il giorno 5), poi con Mercurio (il giorno 10), quindi con la sottile falce di Luna (il giorno 18) per concludere con Venere il giorno 20.

Un mese perfetto per seguire i consigli di Giorgia Hofer ne “La danza dei pianeti”, anche se le condizioni di luminosità e soprattutto di altezza degli astri, richiederanno un orizzonte orientale sgombro, un cielo limpido e un’ottima organizzazione!

Premesso quindi che per quasi tutto il mese i quattro astri si mostreranno vicini o allineati nel crepuscolo, vediamo ora alcune singole configurazioni di spicco, assieme come sempre agli altri eventi notevoli del cielo di settembre.

195