Coelum Astronomia 214 - 2017 - Page 110

Hale-Bopp, una fedele compagna di viaggio

di Stefano Capretti

«Per me l’astronomia è sempre stata interessante ma la cometa Hale-Bopp ha dato la spinta decisiva».

Ci sono passioni che nascono all’improvviso e altre che hanno bisogno di una sorta di messaggero in grado di venire a prenderle. Per me l’astronomia è sempre stata interessante ma la cometa Hale-Bopp ha dato la spinta decisiva, come credo sia accaduto a molte altre persone.

Avevo poco più di vent’anni all’epoca, studente universitario e nessuno strumento a disposizione se non i libri e un primordiale internet. La Hale-Bopp mi ha dato la certezza che certi numeri possiamo anche pronunciarli ma che fino in fondo non li comprenderemo mai: la distanza, espressa in cifre ma di difficile comprensione pratica, la velocità estrema confrontata all’apparente staticità nel cielo. Quando ai dati teorici ho abbinato questa consapevolezza pratica di non poterli mai percepire fino in fondo, di non potermi rendere conto dell’effettiva grandezza delle cose, di poter soltanto parlare di numeri senza però essere realmente in grado di comprenderli davvero, proprio allora è scoppiato l’amore per l’astronomia.

Un amore ancora stampato sull’albero che ho tamponato... proprio per guardare quella cometa a Via della Pisana a Roma, fortunatamente senza danni né a me né alla vecchia Citroen AX dell’epoca.

Per molti giorni quella cometa fu compagna fedele di viaggio e ricordo netta la “paura” di attendere l’orario e non vederla più, da una sera all’altra. La certezza che un giorno sarebbe scomparsa alla nostra vista per tornare dopo migliaia di anni, chissà in quali condizioni, mi fece capire anche che l’astronomia è attesa, pazienza e anche una sorta di “rassegnazione” agli eventi: loro capitano, tu puoi essere soltanto spettatore non pagante anche se per fortuna puoi prevederli. Tranne le comete!

Credo sia stato il passaggio più importante per tantissime persone, almeno nel nostro emisfero. Come detto, non avevo strumenti per poterla

Coelum Astronomia

110