Coelum Astronomia 213 - 2017 - Page 30

Nella notte tra il 30 e il 31 maggio, un luminoso bolide ha attraversato i cieli del Centro Nord Italia, alle 23:09 circa. Numerose sono le testimonianze, da tutta Italia, di chi ha potuto assistere a questo spettacolare e improvviso evento. Dai primi commenti che si sono rincorsi sui social e in seguito dalle prime notizie fornite dai media locali e nazionali, la meteora ha raggiunto una luminosità tale da illuminare a giorno (in alcune zone ha raggiunto e superato la luminosità della Luna Piena) le zone più vicine alla traiettoria del corpo celeste, che si è comunque mostrato estremamente luminoso, brillando di una luce verde intensa, anche da chi l’ha osservata da più lontano. Nel sito dell’IMO (International Meteor Organization) sono registrate segnalazioni anche dalla Croazia e dall’Austria.

Ormai confermato dalle segnalazioni e dalle analisi dei tre principali team di sorveglianza e

monitoraggio – il già citato Network IMTN, ora in

collaborazione con la rete PRISMA dell’INAF, e la Sezione Meteore della UAI dei quali potete trovare i resoconti in queste pagine – la meteora ha attraversato il cielo tra il Veneto e l’Emilia Romagna, esplodendo ancora ad alta quota, in particolare nella zona tra Modena, Ferrara e Rovigo, verso il veneziano, con relativa scia di detriti e un forte boato udito da molti testimoni, nella zona interessata.

Potete vedere in queste pagine le prime fotografie del bolide, tempestivamente pubblicate online, riprese dalle telecamere di sorveglianza IMTN, ma in rete sono girate anche tante foto false… la mancanza di foto “spettacolari” infatti ha fatto passare per vere molte foto di repertorio, per semplice errore o per mancato controllo delle

Sopra. Eccola la meteora che ha illuminato il cielo del Nord Est tra il Veneto e l'Emilia Romagna, ripresa dalla stazione video IMTN di Ferrara gestita da Ferruccio Zanotti, tra le prime immagini del bolide apparse in rete.

Coelum Astronomia

30