Coelum Astronomia 213 - 2017 - Page 201

www.coelum.com

201

proprio per la mancanza di un nucleo luminoso, caratteristica comune alla maggior parte degli oggetti di questo tipo, quello della Lira è uno tra i globulari meno luminosi.

Alcuni ammassi globulari hanno nuclei assai densi, altri meno, e proprio in base al loro gradiente di concentrazione stellare sono stati classificati nella cosiddetta scala Shapley-Sawyer, che va da I a XII. Indovinate come M 56 è qui classificato? Proprio a causa del suo nucleo incredibilmente diffuso, il globulare della Lira è di tipo X, ovvero con un gradiente di densità stellare assai diffuso. La sua luminosità superficiale, integrata su un’area vasta poco meno di 9', lo rende di magnitudine +8,27, valore, tutto sommato, debole per un ammasso globulare, tanto da risultare difficile da reperire in aree con inquinamento luminoso accentuato. M 56 si colloca al 54° posto tra gli ammassi globulari più luminosi e grandi tra quelli visibili dal Sistema Solare. Eppure, M 56 è tutt’altro che un piccolo globulare: la sua massa, infatti, sarebbe equivalente a quella di 230.000 stelle come il nostro Sole! Il motivo che lo rende debole va quindi ricercato sia nella sua bassa latitudine

Sopra. L'ammasso globulare M56 (NGC 6779) si trova nella costellazione della Lira sulla linea che unisce idealmente b Lyr e b Cyg. Ha un diametro di circa 7" e una magnitudine pari a +8,3. Crediti: ESA/NASA/HST.