Coelum Astronomia 213 - 2017 - Page 191

Sheliak è β Lyr, nome derivato dal termine Al Shilyak con cui gli arabi indicavano uno strumento musicale a corde, forse lo stesso derivato dalla tradizione greca; pur recando la seconda lettera dell’alfabeto greco, così come attribuitale da Bayer nella sua Uranometria del 1603, la sua luminosità apparente è di pochi decimi inferiore a quella della vicina γ Lyr, risultando quindi il terzo luminare di questa costellazione.

Sheliak è una delle stelle più importanti dell’intera volta celeste. Nel nostro lungo viaggio tra le costellazioni, abbiamo finora incontrato numerosi esempi di coppie di stelle fisicamente legate tra loro dalla mutua attrazione gravitazionale. Nella stragrande maggioranza dei casi, le orbite di queste giacciono su piani non coincidenti con la nostra visuale; esistono, tuttavia, casi in cui il piano orbitale è inclinato nello spazio in modo da coincidere, o quasi, con la nostra direzione d'osservazione. Così, esattamente come accade per le eclissi di Sole e Luna visibili dal nostro pianeta, anche le due componenti di un sistema stellare binario si eclissano a vicenda, portando il flusso luminoso totale osservato a variare a seconda che esse siano entrambe visibili o l’una nascosta dietro l’altra. Parliamo delle cosiddette variabili ad eclisse, di cui Algol (β Per) è il primo esempio ad essere stato storicamente individuato nonché composto da stelle “normali” (definizione che tra poco sarà chiarita). Questa classe è estremamente importante perché, ottenendo lo spettro delle componenti, è possibile calcolarne la reciproca distanza, il raggio e la massa. È bene però chiarire il motivo per il quale accenniamo qui al loro spettro: i telescopi rendono possibile la visione diretta all’oculare delle stelle doppie e multiple; tuttavia questi strumenti riescono a “risolvere”, cioè a separare, coppie di stelle la cui separazione angolare rientra nel loro potere risolutivo (dipendente in primis dal diametro della lente/specchio e da fattori esterni quali la turbolenza atmosferica). Nei casi in cui non sia possibile separare le binarie strette con il telescopio, è l’analisi spettroscopica a

fornire precise indicazioni sulla natura di tali sistemi.

La famiglia delle stelle variabili a eclisse è retta su tre prototipi che si differenziano a seconda della reale struttura fisica delle stelle coinvolte. Uno di questi importati prototipi è proprio β Lyr (gli altri, Algol e W UMa), la cui variabilità venne per la prima volta individuata dall’astrofilo britannico sordomuto J. Goodricke nel 1784 allorché notò che la luminosità apparente di questa variava tra le magnitudini +3,25 e +4,36 in circa 12 giorni (misura, oggi accurata al secondo, pari a 12 giorni, 21 ore e 56 minuti). Durante tale ciclo, la stella

www.coelum.com

191

Una rappresentazione artistica della figura della Lira, qui nella versione meno canonica che prevede la presenza di un rapace che trattiene lo strumento musicale tra le sue zampe. Cortesia: GPNoi.

Sheliak, beta Lyrae

Sopra. La stella beta della costellazione della Lira, nota anche con il nome proprio di Sheliak (mag. +3,50). Crediti: DSS2.