Coelum Astronomia 213 - 2017 - Page 177

Il crepuscolo astronomico è definito come l’intervallo di tempo dopo il tramonto o prima del sorgere del Sole, in cui vi siano ancora in cielo delle tracce di luce. Il crepuscolo astronomico termina quando spariscono anche le ultime tracce di luce ed inizia la notte astronomicamente intesa, il che capita quando il Sole raggiunge i 18° sotto l’orizzonte. Come istante (all’alba o al tramonto) è definito dall’istante in cui il Sole ha l’altezza –18° sull’orizzonte. Come intervallo di tempo (all’alba o al tramonto) è definito dall’intervallo di tempo che il Sole impiega a passare da 0° a –18° sull’orizzonte.

14 luglio, ore 04:00: congiunzione Venere – Aldebaran e le Iadi

Il 14 luglio mattina, dopo le 3, Venere (mag. –4,1; fase 68%) sorgerà a soli 3° da Aldebaran (alfa Tauri; mag. +0,9). Per averli a una buona altezza e riprenderli nella cornice del paesaggio, converrà attendere le quattro del mattino, ma potranno poi essere seguiti e osservati fino al crepuscolo. Il sorgere del Sole avrà ormai oscurato la bella Aldebaran, ma si potrà comunque tentare l’osservazione diurna di Venere.

Nel suo moto di avvicinamento all’occhio del Toro, Venere passerà vicino all’ammasso delle Iadi e si potrà tentare la ripresa fotografica dell’intero gruppo. A tal proposito, tutti i giorni immediatamente precedenti e successivi alla data indicata potranno essere validi anche per riprendere, con più scatti, il moto del pianeta attraverso la costellazione del Toro (vedi “La Danza dei Pianeti” di Giorgia Hofer su Coelum Astronomia 202).

www.coelum.com

177