Coelum Astronomia 213 - 2017 - Page 131

eliminano l’attrito, mentre il quarto punto è una combinazione tra un cuscinetto a sfera e una piattina in Teflon, per aumentare l’attrito quel tanto che basta. Il movimento in azimut è risultato fluido invece creando una corsia circolare di circa 1,2 metri di diametro sulla base posta a terra, poi riempita con circa 400 sferette in acciaio di 8 millimetri di diametro su cui ruota la struttura del telescopio, incernierata nel centro della base stessa contenente le sferette, come se fosse un cuscinetto reggispinta gigante, a cui è stato aggiunto un punto di appoggio in Teflon che scorre su un materiale plastico chiamato Glassboard.

Sopra. Principali parti meccaniche del telescopio.

Sopra. Particolari del movimento in azimut.

www.coelum.com

131