Coelum Astronomia 213 - 2017 - Page 123

www.coelum.com

123

Comete ed emissione radio

L’idrogeno atomico emette onde radio per via di una minima differenza di energia tra la configurazione in cui i campi magnetici, dell’elettrone e del protone, sono allineati e quella in cui i poli magnetici sono opposti. Ma la forza che tende a “girare” l’elettrone è debolissima e, come conseguenza, la transizione avviene rarissimamente. Solo se abbiamo un enorme numero di atomi possiamo quindi vedere un segnale. Si può calcolare la quantità di idrogeno necessaria per generare il “segnale Wow”, che risulterebbe pari a 50 mila miliardi di tonnellate. Questo è grossomodo la massa di tutta la cometa 266P, che è composta però solo in parte da idrogeno. Quindi neppure vaporizzando istantaneamente l’intera cometa di fronte al radiotelescopio si sarebbe potuto ottenere quel segnale.

Di fatto, esistono osservazioni radio di diverse molecole (in particolare l’ossidrile) della chioma di una cometa, che emettono segnali molto più deboli rispetto al Wow, e comunque non il segnale dell’idrogeno atomico. E come se non bastasse, sicuramente una cometa posta alla distanza di Giove, come le due considerate da Paris, non emetterebbe grandi quantità di idrogeno.

Sopra. Localizzazione del segnale nella costellazione del Sagittario. A causa della natura dell'esperimento, l'origine del segnale può trovarsi in una delle due aree indicate in rosso. Per comodità di rappresentazione la larghezza delle due aree non è in scala: dovrebbero essere ancora più strette. Crediti: Bejamin Crowell.

all’idrogeno presente nella nostra Via Lattea, ma lo strumento che ha adoperato non era abbastanza sensibile e quindi ha ripiegato sulla modalità a banda larga, con cui ha rivelato, per controllo, la potente radiosorgente Cygnus A e il Sole.

Purtroppo in questo modo si è completamente preclusa la possibilità di vedere un segnale di intensità pari a quella del “Segnale Wow!” che, osservato in quel modo, sarebbe apparso circa 20 mila volte meno intenso di Cygnus A. Sfortunatamente non ha neppure utilizzato una