Coelum Astronomia 212 - 2017 - Page 8

8

Coelum Astronomia

battuta d’arresto del tutto prevista e non dannosa, trovandosi New Frontiers nel momento di inizio della selezione di missioni di follow up previste per il lancio a partire dal 2024. Il programma NASA per l’osservazione degli asteroidi potenzialmente pericolosi (Near-Earth Objects Observation program) cresce di 10 milioni di dollari rispetto al 2016 fino ai 60 milioni: 16 di questi sono dedicati alla missione Double Asteroid Redirection Test, una proposta di capsula ad impatto su asteroide che era stata sviluppata con l’agenzia spaziale europea.

Nelle scienze planetarie sono incluse anche le attività di ricerca e osservazione terrestre: questo settore non guadagna ma nemmeno perde e mantiene lo stesso budget del 2016 a 1,19 miliardi di dollari.

Il budget per le operazioni di volo con equipaggio aumenta: SLS e Orion vedono i loro rispettivi bilanci crescere di 2,15 e 1,35 miliardi rispettivamente. Nessun problema o rallentamento (a livello di bilancio, almeno, visti i ritardi operativi) per il programma Commercial Crew e Cargo per i voli verso la Stazione Spaziale Internazionale.

E ora che il processo di approvazione per il bilancio del 2017 è terminato, l’attenzione si sposta subito sul bilancio per il 2018. Sino ad ora (come ormai è suo tratto distintivo) l’amministrazione Trump non ha fornito altri dettagli rispetto a quanto già proposto e che per la NASA rappresenta una notevole minaccia di ridimensionamento. Maggiori informazioni sono attese per la fine di maggio, ma di certo, in attesa di queste, la NASA non può che godersi questo momento rappresentativo di un’inversione di tendenza e di un ribaltamento di fronte rispetto solo ad un mese fa. Con un bilancio come questo l’esplorazione del Sistema Solare mette in lista una serie di capisaldi fondamentali: la luna di Giove Europa, Marte e altre destinazioni (asteroidi in testa) sono saldamente in vista e il futuro appare decisamente meno fosco di quello paventato al termine dell’amministrazione Obama. Seguiremo senz’altro con interesse gli sviluppi nei prossimi mesi.