Coelum Astronomia 212 - 2017 - Page 40

Ed è andato a buon fine anche il tuffo numero quattro, iniziato dal punto più lontano dell’orbita da Saturno il 12 maggio, con il passaggio attraverso il piano degli anelli effettuato alle 18:42 (ora italiana) del 15 maggio. Anche questa volta il segnale è arrivato, confermando che la sonda è passata indenne nel gap tra l’atmosfera di Saturno e il bordo interno degli anelli.

La sonda ha poi avuto anche una delle migliori opportunità per svolgere delle occultazioni radio

A destra. Durante il quarto tuffo, la sonda ha osservato con l’Imaging Science Subsystem (ISS), alcune delle più importanti formazioni a elica degli anelli di Saturno, delle deformazioni all’interno degli anelli dovute a una classe di lune che orbitano in quelle zone. In questa immagine, scattata il 12 aprile scorso (con una risoluzione di 500 metri per pixel), vediamo l’elica denominata Louis Bleriot, con una risoluzione mai ottenuto prima: la lacuna si estende per qualche migliaio di chilometri, ma la piccola luna che la causa non supera il chilometro di diametro.

Crediti: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute.

NASA/JPL-Caltech/SSI/Kevin M. Gill.

40

Coelum Astronomia