Coelum Astronomia 212 - 2017 - Page 36

coperti dall’antenna/scudo, il Radio and Plasma Wave Science o RPWS (il secondo è un magnetometro).

Durante i precedenti passaggi sul piano degli anelli fuori dal bordo più esterno, lo strumento ha “contato” centinaia di collisioni con particelle di polvere, mentre durante il passaggio del 26 aprile ha contato solo pochi “ping”. Quando i dati raccolti da RPWS vengono convertiti in suoni, le particelle che colpiscono lo scudo si possono “ascoltare” come dei colpi o dei crepitii che coprono gli usuali suoni delle particelle cariche, per la cui rilevazione è stato costruito.

Passando nel bordo interno degli anelli ci si aspettava altrettanto rumore e disturbo, se non di più… ma, invece, i “fischi” delle particelle cariche si sono sentiti sorprendentemente chiari e la trasmissione è risultata pulita.

«È stato alquanto… disorientante» confessa William Kurth, team leader del RPWS (Università dell’Iowa, Iowa City). «Non abbiamo sentito quello che ci aspettavamo di sentire. Ho ascoltato i dati della prima immersione diverse volte e posso probabilmente contare il numero di impatti sulle le dita di due mani». L’analisi dei dati rivela che le particelle incontrate sono pochissime e nessuna più grande di una particella di fumo (all’incirca delle dimensioni di 1 micron al massimo).

Al di là del sorprendente “grande vuoto”, la Cassini ci ha regalato anche una sequenza di immagini mozzafiato, che ci mostra ciò che ha visto la sonda spaziale durante il suo primo storico tuffo tra Saturno e i suoi anelli. Il video raccoglie in tutto un’ora di osservazioni, a partire

A sinistra. Gli anelli esterni al di là dell’orizzonte scuro di Saturno, in una elaborazione delle immagini raw della sonda Cassini nei filtri R,G e B, sempre a cura di Kevin Gill. L’immagine è stata scattata dalla sonda il 26 aprile, durante il primo “tuffo”. NASA/JPL-Caltech/SSI/Kevin M. Gill.

Sopra. Immagine del Polo Nord di Saturno realizzata da Cassini il 7 Marzo 2017. Crediti: NASA/JPL-Caltech/SSI/Kevin M. Gill.

36

Coelum Astronomia