Coelum Astronomia 212 - 2017 - Page 30

30

Coelum Astronomia

Budget NASA 2017

Il Congresso americano ha confermato gli stanziamenti per la NASA e li ha anzi incrementati leggermente di circa 600 milioni di dollari. L'attuale budget si aggira sui 19,6 miliardi di dollari e quindi in linea con quelli degli ultimi anni. Vedremo ora se l'amministrazione Trump continuerà su questa tendenza dato che dovrà presentare a breve il budget dell'anno fiscale 2018. Avevamo già parlato di queste proposte nei numeri scorsi e per un dettaglio riguardante il budget di quest'anno potete vedere l'articolo dedicato nel notiziario di questo numero.

Successo per il primo cargo cinese

La Tianzhou-1, prima capsula cargo per il rifornimento automatico della Cina, ha compiuto perfettamente la prima parte della sua missione che comprendeva l’arrivo in due giorni alla stazione spaziale Tiangong-2, l’attracco automatico e, sempre in modo automatico, un rifornimento di carburante.

Molto simile come progetto alla Progress russa, la Tianzhou verrà impiegata per il trasporto a bordo della prossima Tiangong-3 (detta anche CSS, Chinese Space Station) di tutti i rifornimenti necessari per l’equipaggio permanente di tre astronauti che si alterneranno a bordo ogni sei mesi, esattamente come viene fatto per la ISS. L’attuale missione ha lo scopo di testare tutti gli apparati di bordo ed è per questo che, dopo un paio di mesi trascorsi ormeggiata alla Tiangong-2, eseguirà altri test di attracco sugli altri moli disponibili. Il cargo eseguirà anche un volo libero in formazione con la stazione, dopodiché si tufferà nell’atmosfera per un rientro distruttivo.

La Cina prevede di lanciare il primo modulo della futura stazione entro la fine del 2018 per giungere alla configurazione estesa con i laboratori entro la fine del 2020, quando raggiungerà un peso di circa 60 tonnellate.

Cassini “Grand Finale

Completata la quarta delle 22 orbite finali della missione Cassini su Saturno, si stanno raccogliendo i dati e le fantastiche immagini di questi passaggi all’interno degli anelli, in quella stretta fascia di 2000 km che li separano dagli strati superiori dell’atmosfera del pianeta.

Con un tuffo a settimana circa, Cassini ci porterà fino al 15 settembre che corrisponderà al momento in cui entrerà negli strati superiori delle nubi di Saturno, segnando così la fine di questa meravigliosa missione che ci accompagna dal 2004 all’interno di uno degli angoli più suggestivi del nostro Sistema Solare, il regno del signore degli anelli. Per ulteriori dettagli e per ammirare le splendide immagini inviateci dalla Cassini si veda l’articolo dedicato in questo numero a pagina 32.

Crediti: NASA/JPL-Caltech.