Coelum Astronomia 212 - 2017 - Page 131

www.coelum.com

131

Sopra. IC 1318, immensa distesa di idrogeno in emissione inframezzata a tratti da nebulose oscure. Telescopio Remoto ASTRA #1(Ritchey-Chrétien, 1354 mm/5.4 & SBIG ST8XME su GM2000, Vidor, TV). Mattia Spagnol & Enzo Pedrini.

Una delle più grandi e massicce aree colme di nebulose gassose di idrogeno molecolare della nostra galassia si trova nella regione di cielo compresa tra alfa Cygni, Deneb, e gamma Cygni, Sadr. Qui si possono trovare delle immense nebulose distribuite per centinaia di anni luce e con massa complessiva pari a centinaia di migliaia di masse solari. IC 1318 rappresenta l’area più densa e ricca. Nebulose oscure di silicio e carbonio si insinuano tra queste grandi distese di gas che nascondono stelle neonate al loro interno capaci di far emettere il rosso dell’idrogeno nella banda H alfa. Ci troviamo a 5000 anni luce dalla Terra, tra il braccio galattico di Orione, dove è posto anche il nostro Sole, e il più esterno braccio del Perseo.

IC 1318

Alla destra del Cigno, più in basso, possiamo scorgere le deboli stelle dell’Aquila, allineate sopra e sotto la stella principale, Altair.

Sopra il Triangolo Estivo, vediamo invece le deboli stelle della costellazione di Ercole e ancor più in alto la tipica figura ad aquilone del Boote o Bifolco. Lo scorso mese a maggio, una cometa, la C 2015 V2 Johnson, visitò questa bella costellazione. Potete vederla nella prossima pagina in alto ripresa al telescopio remoto ASTRA #4.

Poco distante possiamo riconoscere la piccola costellazione della Corona Boreale con la sua bella stella alfa, Gemma (mag +2,2), posta proprio tra Ercole e Bifolco.

Al di sotto, invece, troviamo la costellazione dell’Ofiuco, che in questo mese ospita una