Coelum Astronomia 212 - 2017 - Page 123

passerà al perielio il 19 giugno, mentre si troverà in apogeo il 22 giugno.

Dal 15 al 28 giugno potremo seguirlo nel campo del coronografo LASCO C3, mentre dal 20 al 22 giugno del coronografo LASCO C2.

Venere

Osservabile al mattino.

Mag.: da –4,5 a –4,2; Diam.: da 24,6" a 18,3".

Venere raggiungerà la massima elongazione ovest il 3 giugno, e a inizio mese, la mattina presto, sarà visibile a un'altezza di una ventina di gradi dall'orizzonte orientale. Le sue condizioni di osservabilità miglioreranno leggermente nel corso del mese, aumenterà infatti la sua altezza sull’orizzonte e anticiperà via via la sua levata rispetto al sorgere del Sole, anche se il diametro apparente del pianeta varierà in negativo, riducendosi sensibilmente con il passare dei giorni. Durante il mese Venere si sposterà velocemente tra le stelle dei Pesci nella prima decade, poi sarà osservabile per il resto del mese nell'Ariete, terminando infine la sua corsa nel Toro. Il 12 giugno Venere passerà all'afelio.

Marte

Visibile con difficoltà subito dopo il tramonto a inizio mese.

Mag.: +1,7; Diam.: da 3,7" a 3,6".

Nel corso del mese Marte, inizialmente nella costellazione del Toro, si sposterà in quella

dei Gemelli, dove rimarrà tutto il mese. La sua altezza sull'orizzonte ovest sarà comunque sempre molto ridotta, anticipando il tramonto dalle 22 circa di inizio mese alle 21:30 di fine mese. Anche se Marte è facilmente riconoscibile a occhio nudo come un puntino luminoso di colore arancio – rossastro, in questo periodo sarà difficile da vedere per via della sua scarsa altezza sull’orizzonte ovest e della luminosità del cielo. Si potrà tentare di rintracciarlo la sera, poco dopo il tramonto solo a inizio mese.