Coelum Astronomia 212 - 2017 - Page 122

Sopra. Il grafico mostra l’aspetto dei pianeti durante il mese, con indicati i relativi diametri angolari e, per quelli interni, anche la fase. Il diametro di Saturno è riferito all’intero sistema (anelli inclusi).

PIANETI

Di seguito vengono fornite alcune indicazioni sulle condizioni di osservabilità dei pianeti per il mese di giugno 2017.

Mercurio

Praticamente inosservabile

Mag.: da –0,4 a –1,1; Diam.: da 6,2" a 5,2".

Il piccolo pianeta si sta avviando gradualmente verso la congiunzione eliaca superiore del 21

giugno, per cui sarà pressoché inosservabile per buona parte del mese. Soltanto nei primi giorni di giugno si potrà tentare di scorgere Mercurio, molto basso sull’orizzonte orientale, poco prima del sorgere del Sole, ma il cielo chiaro ne renderà l'osservazione davvero difficoltosa, oltre a essere ostacolata dagli elementi del paesaggio. Mercurio

122

Coelum Astronomia

stazionario”, un chiaro riferimento al rallentamento e poi all’apparente immobilità del Sole al culmine di un periodo (quello che va dal solstizio invernale a quello estivo) che lo vede aumentare la propria declinazione (e quindi l’altezza sull’orizzonte al momento del transito in meridiano) di quasi 47°.

Dopo questa fase il Sole inizierà lentamente a discendere, mantenendo comunque una declinazione al di sopra dei +23° fino agli ultimi giorni del mese. Ovviamente ciò comporterà un deciso aumento delle ore di luce a scapito della notte astronomica, che mediamente durante il mese non supererà le 4,5 ore.