Coelum Astronomia 211 - 2017 - Page 76

76

Coelum Astronomia - Pubbliredazionale - Inserzione Pubblicitaria

osservazione, per correggere continuamente il puntamento e l’inseguimento in base alle eventuali variazioni atmosferiche. Questa operazione può essere svolta sia manualmente dalla pulsantiera, sia con l’ausilio di un PC esterno.

5. Orientamento della Terra

Una montatura equatoriale provvede a compensare la rotazione terrestre con un movimento a velocità costante attorno all’asse di ascensione retta. Questa velocità di solito è determinata da un orologio al quarzo e quindi si potrebbe pensare che sia ragionevolmente precisa. Quello che molti non sanno è che i tipici oscillatori al quarzo utilizzati in elettronica non vengono corretti in base alla temperatura, oltre a non essere intrinsecamente estremamente precisi. A una temperatura di –5 °C, facilmente riscontrabile in una sessione osservativa invernale, un quarzo tipico può avere un errore di decine di parti per milione (ppm), causando un errore in ascensione retta di circa 2,5 secondi al giorno, il che significa più di un secondo d’arco all’ora. La perdita di precisione di puntamento complessiva, in una notte d’inverno di 12 ore, sarebbe di circa 20 secondi d’arco – o più ancora se la montatura viene spenta e riaccesa alcuni giorni dopo. L’elettronica 10Micron prevede un orologio interno dotato di batteria di backup con compensazione della temperatura, in grado di segnare il tempo con una precisione di 3,5 ppm da –40 °C a +40 °C.

Un movimento molto più lento, ma comunque di fondamentale importanza, è quello della precessione degli equinozi. Si potrebbe semplicemente pensare che se si effettua un allineamento con le coordinate J2000, allora si dovrebbe essere in grado di puntare oggetti con precisione, ma non è così. La precessione cambia la direzione dell’asse di rotazione terrestre e quindi il polo celeste. Ciò significa che l’allineamento sarebbe sufficiente per …alcuni minuti, dopodiché la precisione di puntamento andrebbe a decadere progressivamente. Il sistema 10Micron tiene conto non solo della precessione degli equinozi , ma anche dei fenomeni di nutazione e di aberrazione della luce.

Un altro fattore che può limitare l’accuratezza della montatura per lunghi periodi è la variazione di velocità di rotazione della Terra (che per l’appunto non è costante). Ciò che viene denominato “tempo UTC” è soltanto un’approssimazione dell’angolo di rotazione della Terra, l’angolo effettivo è misurato dall’UT1, se trascuriamo le variazioni stagionali e irregolari (che comunque ammontano a meno di un secondo d’arco). L’UTC viene misurato con orologi atomici, e quando la differenza rispetto all’UT1 arriva 0,6 secondi, è necessario inserire il cosiddetto “secondo intercalare” per mantenere la differenza entro 0,9 secondi dall’UT1. Quando si approssima l’UT1 con l’UTC, si può introdurre una differenza fino a 14 secondi d’arco nella precisione di puntamento di un telescopio. Questa differenza cambia molto lentamente, pertanto non si noteranno significativi problemi nella pratica. Ma quando avviene l’inserimento del “secondo intercalare” di compensazione (come è avvenuto a cavallo tra il 2016 e il 2017), si ottiene un salto improvviso nelle coordinate, pertanto 10Micron ha recentemente implementato una funzione che tiene conto anche dell’inserimento del secondo intercalare per ottenere la massima precisione possibile.

6. Moto degli oggetti astronomici stessi

Un buon numero di oggetti astronomici presenta un movimento apparente significativo: pianeti, asteroidi, Sole, comete e satelliti naturali o artificiali. Il firmware delle montature 10Micron è in grado di calcolare il movimento di tutti questi oggetti direttamente dai loro parametri orbitali (già inseriti per pianeti, Luna e Sole, mentre per altri oggetti si dovranno caricare). Va notato che la Luna ha un movimento apprezzabile in declinazione che molte montature semplicemente non considerano, anche se è selezionata la “velocità di inseguimento lunare”, mentre il sistema 10Micron ne tiene conto.