Coelum Astronomia 211 - 2017 - Page 74

74

Coelum Astronomia - Pubbliredazionale - Inserzione Pubblicitaria

2. Orientamento del telescopio rispetto alla montatura

L’asse ottico del telescopio non sarà mai perfettamente perpendicolare all’asse di declinazione (ciò dipende dalle piastre o dagli anelli di fissaggio, dalla collimazione ottica, dalla centratura del porta oculari o del sensore CCD, ecc) e non sarà nemmeno perfettamente allineato con l’angolo zero dell’encoder assoluto. Già a partire dalla terza stella di allineamento, questi errori vengono calcolati istantaneamente: maggiore è il numero di stelle di riferimento migliore sarà il modello e quindi la correzione.

3. Errori del sistema meccanico rispetto a un sistema “ideale”.

Tutti sappiamo che nessun sistema meccanico può considerarsi “ideale”. Si riscontrerà ad esempio il problema delle flessioni meccaniche. Nella grande maggioranza delle montature in commercio, gli errori meccanici non vengono minimamente presi in considerazione dal software di controllo.

10Micron invece ha previsto che il suo

software sfrutti un modello virtuale della montatura e del telescopio per rappresentare le flessioni meccaniche: il sistema confronterà la posizione teorica con la lettura effettiva dell’encoder (ossia l’angolo assoluto impostato sugli assi della montatura). Con un numero sufficiente di stelle di riferimento, la flessione può essere modellizzata molto bene, tanto da permettere un puntamento di altissima precisione. È possibile utilizzare fino a 100 stelle o punti di allineamento per questo scopo e la procedura può avvenire in tempi sorprendentemente brevi, grazie all’elevata velocità di puntamento delle montature 10Micron (fino a 20°/s per la GM2000).

Tutto ciò funziona se gli errori meccanici sono ripetibili. Ciò significa che questo sistema di correzione non vale per i giochi meccanici o backlash.

Tuttavia nelle montature 10Micron gli encoder assoluti eliminano totalmente anche questi problemi in quanto sono in grado di rilevare e correggere il backlash direttamente sull’asse.

4. Influenza della rifrazione atmosferica.

L’atmosfera terrestre devia i fasci di luce provenienti dagli oggetti celesti in funzione della densità dell’aria (rifrazione atmosferica). Con alcune montature tradizionali, spesso si consiglia di puntare l’asse di ascensione retta al polo celeste rifratto, e impostare una velocità di inseguimento speciale (la cosiddetta velocità “king”), che compensa molto grossolanamente la differenza di velocità apparente dovuta alla rifrazione (solo in ascensione retta). Le montature 10Micron possiedono un sistema molto più efficace: consentono di impostare nel software i valori di pressione atmosferica e temperatura dell’aria in modo da ottenere una correzione molto precisa della rifrazione. Tali valori possono essere modificati durante la sessione di

Sopra. La GM1000 HPS è la più piccola montatura della serie, ha una capacità di carico di 25Kg.

»