Coelum Astronomia 211 - 2017 - Page 72

72

Coelum Astronomia - Pubbliredazionale - Inserzione Pubblicitaria

Sopra. La serie di montature 10Micron HPS. Da sinistra: GM1000 HPS, GM2000 HPSII Ultraportable. GM3000 HPS, GM4000 HPSII.

montatura. Una delle caratteristiche fondamentali di questi elementi è la risoluzione, ossia la loro capacità di distinguere il dettaglio (e quindi il movimento) che è tanto maggiore quanto più è alta la risoluzione.

I normali encoder incrementali, che tipicamente equipaggiano le montature commerciali, non possiedono risoluzioni elevatissime e sono generalmente montati sulla vite senza fine che opera la trasmissione del movimento agli assi. Il controllo della posizione degli assi viene quindi calcolata indirettamente, analizzando i movimenti della vite senza fine. Questa tipologia di setup offre una risoluzione finale sull’asse di qualche minuto d’arco, sufficiente per puntare gli oggetti con una discreta precisione.

L’innovazione introdotta da 10Micron in tale ambito, e applicata sulle montature HPS, prevede invece una coppia di encoder assoluti ad elevatissime prestazioni, integrati direttamente negli assi. La conseguenza è che la risoluzione finale sull’asse è ben al di sotto del secondo d’arco e, inoltre, possono essere utilizzati per la correzione automatica degli errori di inseguimento. Questo setup permette infatti di rendere “vivi” gli assi della montatura che, unitamente al sistema di controllo evoluto, sono in grado di reagire anche ad eventuali forze esterne, come il vento e le vibrazioni dovute ad esempio a contatti accidentali. Il feedback fornito dagli encoder prescinde dalla procedura di azzeramento (o di “homing”) impiegata e quindi l’elettronica di controllo conosce sempre la posizione degli assi. Ciò significa che anche volendo muovere manualmente la montatura ad assi sbloccati e montatura spenta, oppure in caso di movimento accidentale/involontario, una volta riaccesa la montatura il sistema saprà sempre qual è la posizione esatta verso cui punta il telescopio.

Con riferimento all’asse di ascensione retta, tutti i “classici” difetti delle montature alla tedesca, causati dal sistema di trasmissione meccanica, vengono corretti ed eliminati. Non si riscontreranno di conseguenza non solo il cosiddetto “Errore Periodico” (introdotto dalle irregolarità della vite senza fine, dovute all’imperfezione nella produzione e montaggio), ma anche gli errori non periodici causati dalle imperfezioni degli altri elementi meccanici – come la corona, i cuscinetti, le cinghie o altro ancora.

Per quanto riguarda l’asse di declinazione, si potrebbe pensare che un sistema di encoder sia meno importante, poiché teoricamente non ci dovrebbe essere movimento siderale in tale asse. In realtà però anche il movimento dell’asse di declinazione risulta fondamentale ai fini di un corretto inseguimento degli oggetti celesti. Infatti, per compensare i piccoli errori di stazionamento – la rifrazione, le flessioni causate dall’insieme telescopio-montatura e così via – si dovranno necessariamente effettuare delle piccole correzioni in declinazione a bassissima velocità.

Inoltre, mentre l’asse di ascensione retta lavora