Coelum Astronomia 211 - 2017 - Page 63

loro trasformazione, al termine della loro vita, permetterà di generare nuove stelle. È un ciclo che dà vita a pianeti, stelle, galassie e che ha anche portato alla nascita del genere umano. Noi stessi siamo composti da atomi generati proprio dalle stelle e il nostro DNA racchiude la storia dell’Universo: gli elementi di cui siamo composti hanno viaggiato per anni luce solcando i luoghi più freddi dello spazio, hanno visto la nascita di galassie, di sistemi solari e sono stati testimoni di immense esplosioni.

In questo articolo desidero raccontare la mia esperienza di astrofilo e della possibilità di essere direttamente testimoni di queste trasformazioni, semplicemente con l’uso di una strumentazione amatoriale.

In queste poche pagine racconteremo le possibilità e le opportunità che ha l’astrofilo moderno di essere lui stesso testimone di queste trasformazioni, semplicemente con l’uso di una strumentazione amatoriale.

Stelle Novae e Lobi di Roche

Esistono alcuni tipi di stelle che iniziano la loro esistenza in compagnia di un gemello molto particolare, che condizionerà la loro esistenza: si tratta dei sistemi binari stretti, per cui due stelle si trovano a coesistere molto vicine tra loro, racchiuse in uno spazio paragonabile a quello del nostro Sistema Solare. Finché entrambe si trovano nella sequenza principale, l'evoluzione delle due componenti non presenta differenze con quella di una singola stella. Però tutto cambia, e in modo drammatico, quando la prima delle due componenti esce dalla sequenza principale e diventa una gigante rossa o una supergigante. Infatti, quando una stella in un sistema binario molto stretto si espande, è possibile che gli strati più esterni di questa superino il confine di influenza gravitazionale della stella stessa. Esistono infatti delle regioni ben definite entro cui domina l’attrazione gravitazionale dell’una o dell’altra stella, chiamati lobi di Roche.

www.coelum.com

63