Coelum Astronomia 211 - 2017 - Page 133

(sia pur di poco) l’unità astronomica. Quest’anno, nel momento dell’opposizione, raggiungerà una distanza di 1,68 UA, quindi nulla di eclatante, ma, nonostante ciò, questo asteroide sarà un ottimo obiettivo da osservare nel corso di maggio per cominciare (o proseguire) la sfida del Club dei 100 Asteroidi. Lo potremo osservare mentre viaggia tra le stelle della costellazione dello Scorpione. Prendete dunque visione della cartina che mostra il percorso di questo asteroide che costituirà il principale target osservativo di maggio.

Per concludere il capitolo dedicato ad Euterpe, questo fu il nono asteroide scoperto da Hind. Il decimo (e ultimo) fu invece (30) Urania, anch’esso curiosamente in opposizione questo mese insieme a Euterpe. (30) Urania fu scoperto da 22 luglio 1854, sempre attraverso il telescopio da 7 pollici dell'Osservatorio di George Bishop. Il suo nome è in onore di Urania, la Musa greca dell'astronomia e della geometria.

Luca Maccarini

Giovanni Natali

Giuseppe Pappa

Giuseppe Ruggiero

Edoardo Carboni

Adriano Valvasori

Jean Marc Lechopier

Riassunto della situazione:

66

99

47

73

28

La bandierina indica chi ha concluso l'impresa ed è ora a tutti gli effetti socio del Club dei 100 Asteroidi.

La freccia indica i partecipanti che hanno aumentato il loro punteggio.

www.coelum.com

133

Ugo Tagliaferri

Bruno Picasso

4

8

Dino Pezzella

Asteroidi in opposizione

Partecipare all’iniziativa è davvero molto semplice! Non ci sono requisiti particolari da avere — se non la passione per l’osservazione del cielo e in particolare degli asteroidi — né è richiesta alcuna iscrizione. Semplicemente sarà sufficiente contattare il curatore del Club, Claudio Pra, all’indirizzo email club100asteroidi@coelum.com.

E’ necessario dar prova delle proprie osservazioni? No! Come in un tacito accordo tra gentlemen, tutti i partecipanti si impegnano a non barare! Basterà quindi la parola data da ogni osservatore.

Ma quali sono i 100 asteroidi di cui è richiesta l’osservazione? Sono i primi 100 asteroidi scoperti, come puoi leggere nell’articolo da cui tutto nasce, un articolo pubblicato su Coelum Astronomia e che è possibile leggere liberamente sul nostro sito web.

Cosa aspetti dunque? Partecipa anche tu!

Andrea Tomacelli - Valeria Starace

Paolo Palma

Forza, fatevi sotto! Partecipare è divertente e gratuito!

Partecipare all’iniziativa è davvero molto semplice! Non ci sono requisiti particolari da avere — se non la passione per l’osservazione del cielo e in particolare degli asteroidi — né è richiesta alcuna iscrizione. Semplicemente sarà sufficiente contattare il curatore del Club, Claudio Pra, all’indirizzo email club100asteroidi@coelum.com.

È necessario dar prova delle proprie osservazioni? No! Come in un tacito accordo tra gentlemen, tutti i partecipanti si impegnano a non barare! Basterà quindi la parola data da ogni osservatore.

Ma quali sono i 100 asteroidi di cui è richiesta l’osservazione? Sono i primi 100 asteroidi scoperti, come puoi leggere nell’articolo da cui tutto nasce, un articolo pubblicato su Coelum Astronomia e che è possibile leggere liberamente sul nostro sito web.

Cosa aspetti dunque? Partecipa anche tu!

Forza, fatevi sotto! Partecipare è divertente e gratuito!

Situazione al 28 febbraio

Il Club dei 100 Asteroidi

Ultimi Aggiornamenti

Nel bimestre febbraio-marzo abbiamo registrato un ottimo passo avanti da parte di Jean Marc Lechopier che ha osservato ben 9 asteroidi, portando il suo bottino totale alla ragguardevole cifra di 73. Si trova quindi a quasi tre quarti del cammino. Ora comincia l’ultima parte, la più difficile, dove c’è da pazientare molto dato che gli obiettivi si faranno via via meno numerosi. Tuttavia Jean Marc ha grinta da vendere, lo ha già dimostrato, e presto o tardi farà parte del nostro esclusivo club!

Per il resto, detto che Giuseppe Pappa è sempre in attesa di (86) Semele per chiudere la partita (chissà se questo mese tenterà l’osservazione, visto che l’asteroide sarà in opposizione il 27 maggio), non ci rimane che segnalare le due osservazioni del bravo Giuseppe Ruggiero che sale a quota 66, non molto distante da Lechopier.