Coelum Astronomia 210 - 2017 - Page 99

www.coelum.com

99

Sopra. La regione della Bubble Nebula (NGC 7365) ripresa in banda stretta con camera raffreddata dotata di sensore CMOS Panasonic MN34230 da Jon Rista (Colorado) con obiettivo Canon EF 600 mm F/4. Si tratta di solo 1 ora e 45 minuti di posa totale, suddivisi in 9x90 secondi con filtro Halpha, 25x90 secondi con filtro OIII e 36x90 secondi con filtro SII. La camera è stata naturalmente impostata in modalità ad alto guadagno.

È il caso peggiore in qualsiasi condizione. Non c’è alternativa al gain alto e tempo di posa di diversi minuti. In questi casi diventa determinante poter utilizzare uno strumento a rapporto focale basso per poter raccogliere un buon SNR.

5. Soggetti deboli ripresi a banda stretta

Per ottenere il massimo dalle caratteristiche proprie messe a disposizione dalla tecnologia CMOS sarà necessario inoltre impiegare opportune tecniche di ripresa che già risultavano molto utili anche con i CCD. È molto importante ad esempio eseguire un buon dithering, ossia introdurre uno spostamento casuale del frame tra una posa e l’altra così da eliminare il rumore di natura statistica (random noise) ed eventuali piccoli problemi che possono capitare in un subframe (ad esempio un raggio cosmico).

Sommando poi i subframe con tecniche di sigma rejection si andranno a eliminare del tutto variazioni di natura statistica che possono trovarsi sui frame (pensiamo ad esempio ai raggi cosmici, strisciate di satelliti, ecc.). Più alto sarà il numero delle pose e migliore risulterà l’impiego di dithering e sigma rejection.