Coelum Astronomia 210 - 2017 - Page 156

156

Coelum Astronomia

Sopra. L’immagine rappresenta il momento della bella congiunzione, molto stretta (1,5° circa nel momento di massimo avvicinamento) tra la Luna e Giove, la sera del 10 aprile, a pochi giorni dall’opposizione del gigante gassoso. Il massimo avvicinamento avverrà solo alle 00:30 dell’11 aprile, ma sarà comunque possibile ammirare (e fotografare) la congiunzione anche a partire dalla prima serata del 10. Nell’immagine i due astri, posti a circa 17° sull’orizzonte est-sudest, sono accompagnati a poca distanza, più in basso sull’orizzonte, dalla bella stella Spica (Alfa Virginis, mag. +0,95).

In questi stessi giorni troveremo il re dei pianeti accompagnato nel suo cammino celeste dalla stella Spica (mag. +0,95), la stella alfa della costellazione della Vergine, che si troverà a poco più di 7° a sudovest del pianeta. L'11 aprile alle 00:30 invece (ma già dalla prima serata del 10 aprile), Giove sarà protagonista di una bella congiunzione molto stretta con la Luna piena, che gli transiterà a circa un grado e mezzo a nord–nordovest. Nonostante la luminosità della Luna piena, il pianeta sarà ben distinguibile, anche se immerso nel chiarore lunare. Per fotografare la congiunzione includendo alcuni elementi del paesaggio circostante, sarà opportuno prepararsi a riprendere i due astri già dalle 20:00 la sera del 10 aprile, anche se il cielo sarà ancora chiaro, quando i due oggetti si troveranno ancora piuttosto bassi sull'orizzonte est–sudest (circa 8°). Basterà aspettare le 20:30 per avere un cielo già più scuro, con i due astri alti tra i 12° e i 14°.

Giove non è tondo!

A causa del suo veloce moto di rotazione su se stesso (9 ore e 56 minuti), Giove non è sferico, ma appare visibilmente schiacciato ai poli: la distorsione è tale che appare circa il 9% più largo all'equatore. Anche il telescopio più semplice sarà in grado di mettere in risalto questa caratteristica: Giove apparirà chiaramente di forma ellittica.

Per ulteriori dettagli vedi il Cielo del Mese