Coelum Astronomia 210 - 2017 - Page 149

www.coelum.com

135

149

265 anni luce, è una sub-gigante bianca di tipo A2 (8900 K), che splende di magnitudine +4,48, con massa 3 volte quella del Sole e raggio di 5,1 volte maggiore che portano la stella a emettere intrinsecamente come 147 Soli. Ciò che rende questa stella interessante è il suo compagno di tredicesima magnitudine: una nana bianca caldissima (34000 K) non dissimile dalla ben più nota Sirio B. La presenza di una compagna venne sospettata per la prima volta nel 1928 a causa di spostamenti Doppler nello spettro della principale, ma la scoperta, dovuta alle intense radiazioni ultraviolette emesse proprio dalla nana bianca, è piuttosto recente. β Crt B, come viene chiamata, è il prodotto di una stella nata con una massa maggiore di almeno 3 volte il Sole. Stime sulla radiazione ultravioletta emessa, determinano la luminosità della nana bianca in circa tre quarti quella del Sole. Tenendo conto della temperatura, il raggio della piccola stella degenere risulta di poco inferiore a 3 volte la Terra, valore in realtà piuttosto grande (considerando che il raggio di Sirio B è 0,92 quello terrestre) ma coerente – in quanto minore è la massa di una nana bianca, più grande essa sarà a causa della sua gravità ridotta.

Puntando il telescopio a basso ingrandimento esattamente 1,5° a nord di β Crt non sarà difficile scorgere la presenza di un gruppo sparso di otto, nove stelline di nona e decima grandezza e disposte lungo la direzione nord-sud, centrate attorno a quattro di queste disposte a mo' di perfetto rombo, con le due più occidentali di decima grandezza e le altre due, ad ovest, di ottava: si tratta di ESO570-12, ovvero il resto di ciò che una volta era un vero e proprio ammasso aperto (l’unico presente nella Coppa!), ridotto ad uno sterile gruppo sparso su un’area non più grande di metà del diametro lunare: l’anzianità delle componenti e il loro esiguo numero denota il disfacimento ricevuto a seguito dei numerosi peregrinaggi che tale ammasso ha compiuto attorno alla nostra galassia dalla sua nascita, particolarità non di poco fascino.

Crediti: DSS2.

ESO570-12. Crediti: DSS2.