Coelum Astronomia 210 - 2017 - Page 133

Pesci, anche se sarà sempre piuttosto basso sull’orizzonte orientale e immerso nel chiarore crepuscolare. Tuttavia la sua luminosità sarà elevata, tanto che il 24 aprile raggiungerà la massima magnitudine (m = –4,75) e si potrà tentarne l'osservazione in pieno giorno (per la quale in condizioni ottimali potrebbe bastare l’uso di un binocolo): in questo caso, per facilitare la ricerca, sarebbe utile disporre di un telescopio dotato di montatura Go-To.

Marte

Osservabile nella prima parte della notte.

Mag.: da +1,5 a +1,6; Diam.: da 4,2" a 3,9".

Marte sarà visibile abbastanza alto in cielo per tutto il mese, a circa 25° di gradi sull'orizzonte ovest dopo il tramonto del Sole. Per tutto il mese, il pianeta rosso sarà osservabile fin verso le 22:30 circa, quando tramonterà. Durante la prima decade di aprile sarà possibile cercarlo tra le stelle dell'Ariete, mentre a partire dal 12 aprile entrerà nel Toro.

Marte sarà come sempre facilmente riconoscibile a occhio nudo come un puntino luminoso di colore arancio–rossastro, e al telescopio si potranno provare a osservare alcuni dettagli superficiali come le calotte polari, anche se il diametro apparente angolare, in diminuzione nel corso del mese, renderà difficoltose le osservazioni.

Giove

Osservabile per tutta la notte.

Mag.: da –2,5 a –2,4; Diam.: da 44,2" a 43,6".

In questo mese le condizioni di osservabilità di Giove saranno ottimali: il gigante gassoso infatti sarà in opposizione con il Sole il 7 aprile, e quando il cielo sarà buio sarà possibile cercarlo tra le stelle della Vergine, a una ventina di gradi sull'orizzonte già dalla prima serata (Giove sorge alle 19 circa a metà mese). Il pianeta tramonterà tra le prime luci dell'alba, per cui sarà osservabile per tutta la notte. Il momento migliore per osservarlo e fotografarlo sarà intorno alla mezzanotte, quando sarà già alto sull’orizzonte.