Coelum Astronomia 210 - 2017 - Page 127

Sopra. sdfafasfasdf

Sopra. Ecco il meraviglioso risultato finale ottenuto dall'elaborazione delle immagini precedenti.

www.coelum.com

127

puntiamo in direzione sud, dobbiamo necessariamente ridurre i tempi di esposizione per evitare il mosso, proprio perché il moto apparente delle stelle è tanto più veloce quanto più ci si allontana dalla Stella Polare.

In generale, pur tenendo conto di quanto detto sopra, esiste una rapida formuletta che ci permette di calcolare il tempo massimo che non dobbiamo superare per avere le stelle ferme, a seconda della lunghezza focale F del nostro obiettivo: Tmax = 600/F

Ad esempio, se possediamo un obiettivo con lunghezza focale 18 mm dobbiamo prendere il valore di 600 e dividerlo per 18, otterremo così il tempo di posa massimo consentito per il nostro obiettivo.

Di seguito potete trovare alcune indicazioni di riferimento con i tempi già calcolati per i principali obiettivi nel caso in cui abbiamo la fortuna di possedere una camera reflex full-frame (in caso si abbia un diverso tipo di sensore utilizzare la "lunghezza focale equivalente" solitamente indicata):

600/11 = 54,54 secondi

600/18 = 33,3 secondi

600/35 = 17 secondi

600/125 = 4,8 secondi

a circa 362 468 km. La luna avrà fase di 99,2%, un diametro apparente di 32’ 58” e si troverà a circa 45° di altezza sull’orizzonte est-sudest.

3 dicembre 22:00

Luna piena al perigeo a circa 357 726 km. La luna avrà fase di 99,8%, un diametro apparente di 33’23” e si troverà a quasi 52° di altezza sull’orizzonte est-sudest.

I dati di distanza e fase sono calcolati in un sistema di riferimento geocentrico. L’altezza della Luna sull’orizzonte fa riferimento a una località posta a 42°N e 12° E.

A questo indirizzo potete trovare una tabella completa di tutti i perigei e apogei, per poter programmare le vostre sessioni fotografiche future.

A quest’altro indirizzo invece è possibile ottenere le informazioni sulla Luna in una specifica data, oltre che nelle nostre effemeridi online.

Come riprendere la Luna per questo confronto?

Per effettuare uno scatto di questo genere, è sufficiente disporre, oltre alla nostra fedele reflex digitale, di un teleobiettivo o un piccolo telescopio, un buon treppiede e avere la possibilità di scattare con il telecomando o con l’autoscatto. Come ho già avuto modo di spiegarvi negli articoli precedenti, questa piccola accortezza ci farà evitare quelle vibrazioni indesiderate che potrebbero dare alla fotografia un antiestetico micro-mosso.

La cosa più importante da ricordare è che entrambe le esposizioni devono avere gli stessi parametri, e si deve assolutamente mantenere la stessa focale, per non alterare artificialmente le proporzioni del soggetto, scattando con due focali differenti. Come vedete dalle immagini qui sotto, la Luna appare visibilmente più grande pur avendo realizzato le due immagini con identiche impostazioni: lunghezza focale di 400 mm (f/8), posa di 1/750 secondi e sensibilità a ISO 200.

Sopra. Luna all’apogeo, appare visibilmente più piccola.

Sopra. Luna al perigeo, appare visibilmente più grande.