Coelum Astronomia 210 - 2017 - Page 111

Per riuscire a ottenere una minima probabilità di scoperta erano necessari due importanti fattori: riuscire a raggiungere una profonda magnitudine limite, che arrivasse intorno alla mag. +20,0/+20,5 e una tempestività nei controlli per battere sul tempo i team di ricerca professionali.

Il gruppo dell’Osservatorio di Monte Baldo riprende perciò subito in prima serata, M 31 ed M 33 con pose complessive di circa 45 minuti e a seguire una posa triplicata di circa 2 ore e 15 minuti per la più lontana M81. Immediatamente dopo le riprese, le immagini subiscono un lavoro standard

di calibrazione (dark e flat) e poi un lavoro di mascheratura con Maxim per togliere il bagliore della galassia e isolare solamente le stelle. Con pose così lunghe infatti la luce della galassia saturerebbe l’immagine rendendola inutilizzabile allo scopo. Dopodiché partono i controlli delle immagini acquisite, confrontate con immagini equivalenti di archivio. Ma veniamo alle scoperte.

La prima nova extragalattica è stata individuata la notte del 18 febbraio nella galassia di Andromeda (M 31) con una luminosità al momento della scoperta pari alla mag. +18,3. Non contenti del prezioso successo ottenuto, la notte seguente (19 febbraio), i soliti quattro hanno bissato il successo con un’altra nova extragalattica più difficile della precedente, individuata nella galassia M 81. con una luminosità al momento della scoperta addirittura pari alla mag. +19,3. Passano solo pochi giorni e il 25 febbraio i “fantastici quattro” si ripetono nuovamente con un’altra Nova sempre in M 81 e anche questa di mag. +19,3. Nella solita immagine del 25 febbraio viene notato anche un altro oggetto molto più debole, di mag. +19,8, ma essendo quasi al limite strumentale viene deciso di non comunicare subito questa quarta scoperta e di attendere la sera successiva per riprendere nuovamente la galassia ed essere sicuri della presenza del nuovo oggetto.

Purtroppo Kamil Hornoch, che aveva ripreso M 81 la sera precedente, si accorge del debole oggetto e comunica la scoperta soffiandola agli scaligeri, a cui va comunque la scoperta indipendente. Oltre alla sigla, assegnata al momento dell’inserimento della scoperta nel TNS (Transient Name Server), alle nove extragalattiche viene anche assegnata una sigla che segue un determinato criterio: l’anno e il mese di scoperta seguito da una lettera

Sopra. L’Osservatorio del Monte Baldo.

Sopra. La prima scoperta compiuta in M31.

www.coelum.com

111