Coelum Astronomia 209 - 2017 - Page 127

www.coelum.com

127

NGC 772

NGC 2683: la Galassia UFO

Ancora più a occidente, circa 6° a ovest di α Lyn, ecco la più affascinante galassia della Lince all’osservazione telescopica: parliamo di NGC 2683, uno di quegli oggetti che potrebbero tranquillamente figurare nel catalogo Messier (e sono tanti!) ma che purtroppo sfuggirono alla scrupolosa ricerca del grande astronomo francese. Per reperire questo gioiello extragalattico con un comune binocolo del tipo 7x50, è necessario dirigere l’attenzione a metà percorso tra α Lyn e la più meridionale ι Cnc. È lì che troviamo la piccola catena di stelle di quinta e sesta grandezza σ1, σ2 e σ3 Cnc (visibili a occhio nudo, sotto un cielo perfettamente oscuro, come una piccola chiazza nebbiosa), 1° a nordovest della quale si staglia, con lineamento inconfondibile, questa splendida spirale vista di profilo che per la sua particolare forma, tanto cara agli appassionati di oggetti volanti non identificati, è chiamata “Galassia UFO”. Si tratta della galassia più importante di questo distretto celeste, una luminosa ed estesa spirale di tipo Sb lontana poco meno di 26 milioni di anni luce dalla nostra Via Lattea. Il suo semiasse maggiore supera in fotografia i 10' d’arco, mentre

vicine compagne che inducono interazioni mareali di una certa entità. A bassi ingrandimenti, a soli 3' a oriente di essa compare come un fantasma NGC 2537A, una piccola galassia a spirale vista di fronte lontana almeno 20 volte di più, oggetto che all’osservazione telescopica non rileva nulla di particolare se non l’apparenza di una stella sfocata.

NGC 2537

I Consigli per l'Osservazione

di Salvatore Albano

Partendo da 31 Lyn, una stella arancione di mag. +4,2, a una distanza di 3,3° verso nordovest, troviamo la galassia NGC 2537, denominata “Impronta d'orso” o “Zampa d’orso” (Bear Paw) per la sua forma peculiare. Si presenta con una dimensione di circa 1,5' e risulta alla portata di un’apertura da 10/15 cm sotto un buon cielo.

Classificata come una compatta galassia nana irregolare, le immagini profonde la mostrano come una struttura irregolare formata da tre zone bluastre allungate ad alto tasso di formazione stellare circondate da un alone di materia circolare.

Con ingrandimenti medi potremo sperare di vedere una chiazza nebulosa, leggermente elongata nel senso nord-sud, impressione confermata dagli appunti che mi ritrovo sul taccuino di campo: «Con un apocromatico da 15,5 cm, dalla montagna, la vedo 6/7 primi a est di una stellina di ottava; ricorda un po’ M77 in Cetus e appare molto diffusa. A 122x mostra un aspetto circolare, ma non sferico; ben visibili sia la stella che la galassia, la quale non mostra nessuna regione nucleare anzi, somiglia a una planetaria. Non vedo nessun cenno di struttura».

Man mano che l’apertura del telescopio aumenta la galassia si mostra più agevolmente, rivelando una forma più “pulita”, ma solo con diametri da almeno 40 cm è possibile osservare la sua struttura, consistente in un nodulo a ovest dell’alone e una parte oscura verso il centro. Osservando con il dobson da 51 cm dalla montagna ho scritto: «A 133x, con la visione distolta la vedo maculata; dettagli tipicamente fotografici». Chi tra i lettori vede la sua struttura e con che strumento?

Sopra. Il circolo giallo individua la posizione della galassia NGC 2537 (la “Zampa d’orso”), in un campo di circa 1° di lato. Sono anche indicate le magnitudini di alcune stelle di campo utili per identificare l’oggetto. Sotto, in un campo molto più ristretto (circa 3 primi), una foto ad alta risoluzione rivela la curiosa conformazione della galassia.