Coelum Astronomia 209 - 2017 - Page 103

Allineamenti, congiunzioni, occultazioni, eclissi… sono tutti fenomeni ben visibili e piuttosto semplici sia da osservare sia da riprendere. C’è però un evento ricco di fascino che invece non solo è più difficoltoso da osservare ma è anche circoscritto a due periodi dell’anno ben precisi: lo sfuggente fenomeno della cosiddetta luce zodiacale.

Lo considero sfuggente perché purtroppo l’inquinamento luminoso ci sta togliendo la possibilità di osservare questa meravigliosa manifestazione della natura… io stessa, pur vivendo in una zona a basso inquinamento luminoso, sotto i cieli bui e limpidi di montagna, devo raggiungere luoghi più alti e ancor più bui, come il Passo Giau o la Sella di Casera Razzo, per poter vedere questo fenomeno che, oramai, sembra essere riservato a solo pochi fortunati…

Essendo un fenomeno luminoso localizzato nei dintorni dell'eclittica, è sempre osservabile entro la regione zodiacale ed è per questo che viene denominato "luce zodiacale".

Ma che cos’è la luce zodiacale?

La luce zodiacale è un debole chiarore a forma di “V” rovesciata che si può osservare sulla volta celeste in corrispondenza della fascia dello Zodiaco. Essa è dovuta alla diffusione della luce solare da parte di particelle solide minutissime che si concentrano sul piano dell’eclittica.

Somigliante alla luce zodiacale è la luce anteliale, più conosciuta con il termine tedesco Gegenschein, un chiarore molto debole, visibile nella direzione antisolare in notti limpide e molto buie: l’effetto è dovuto alla riflessione della

www.coelum.com

103

Leggi anche:

È il momento di Venere

Coelum Astronomia 206 a pagina 76.

Visita il sito web di Giorgia Hofer con tutte le sue raccolte di immagini!giorgiahoferphotography.com

Giorgia Hofer su

Photo-Coelum

Tutte le immagini di Giorgia su Photo-Coelum!

Clicca qui

Il cielo stellato delle Dolomiti