Coelum Astronomia 206 - 2016 - Page 88

88

Saturno è praticamente inosservabile per tutto il mese, perché si sta velocemente avviando

verso la congiunzione con il Sole del 10 dicembre. Potrà essere comunque seguito nel campo del coronografo LASCO C3 dal primo del mese e dall’8 dicembre nel campo del coronografo LASCO C2 (vedi la timeline degli eventi da pagina 143).

Solo negli ultimi giorni del mese Saturno comparirà timidamente all’alba sull’orizzonte est, ma sarà sempre molto basso per essere osservato (poco più di 5° alle ore 7:00) e con il passare dei minuti, benché la sua altezza sarà via via migliore, esso si perderà molto presto nel chiarore del cielo.

Urano

Osservabile per buona parte della notte.

Mag. da +5,7 a + 5,8; diametro da 3,7" a 3,6".

Per tutto il corso del mese, Urano è visibile entro i confini dei Pesci dove si muoverà di moto retrogrado tramontando, a metà mese, poco prima delle 2:30. Il 29 dicembre sarà stazionario in ascensione retta e invertirà il suo moto da retrogrado a diretto.

Nettuno

Osservabile nella prima parte della notte.

Mag. +7,9; diametro apparente da 2,3" a 2,2".

Nettuno nel mese di dicembre si muoverà di moto diretto nella costellazione dell’Acquario. Le condizioni di osservabilità di Nettuno però peggioreranno via via, perché il remoto pianeta, che già non sarà osservabile sopra i 14° di altezza a inizio mese, si abbasserà ulteriormente, fino a tramontare a fine mese prima delle 22.

FENOMENI E CONGIUNZIONI

Una sottile falce di Luna crescente (fase = 15%) e il brillante Venere (mag. –4,2) saranno protagonisti di una bella congiunzione la sera del 3 dicembre, verso le ore 18:30 circa. La distanza reciproca tra gli astri sarà di poco più di 5°. A osservarli, circa 6° e mezzo più in alto, ci sarà la stella Dabih (Beta Capricorni; mag. +3,05).

Per cercare i due astri occorre guardare dopo il tramonto sull’orizzonte sudovest , la Luna sarà all'incirca a 15° di altezza, mentre Venere si troverà a circa 10°: si può tentare qualche ripresa fotografica a grande campo, avendo però cura di cercare una postazione libera da ostacoli.

Più in alto, a circa 25° di altezza sull’orizzonte sud-sudovest, vicinissimo a Iota Capricorni, si trova anche il pianeta Marte.

A completare il quadro, assolutamente invisibile ad occhio nudo (ma davvero difficile da scorgere anche con l’ausilio di un telescopio) c’è anche il pianeta nano Plutone, posto proprio al di sotto della stella Al Baldah nella costellazione del Sagittario.

3 dicembre: congiunzione Luna – Venere – Dabih con passaggio della ISS

Coelum Astronomia

5 dicembre: congiunzione Luna – Marte

La sera del 5 dicembre Luna, Marte e Venere saranno protagonisti all’orizzonte sudovest. La Luna (fase 33%) e Marte (mag. +0,7) si troveranno nel cielo del Capricorno a una distanza di poco più di 4° con Venere lontano, più in basso sull’orizzonte, che tramonta alle 19:48 circa.

Marte e Luna si troveranno alla minima distanza di 3,5° alle 16:54, con il Sole appena tramontato.

I calcoli per le congiunzioni dei pianeti sono stati effettuati per una generica località situata alle seguenti coordinate: lat. 42° N, long. 12° E.