Coelum Astronomia 205 - 2016 - Page 81

www.coelum.com

81

Un’immagine del Sistema di Trasporto Interplanetario pronto sulla rampa di lancio.

Crediti: SpaceX.

Colonizzare Marte

Il progetto che Musk sta sviluppando attraverso la compagnia SpaceX di cui è CEO (Chief Executive Officer) prevede di sfruttare le opposizioni tra la Terra e Marte (cioè i punti in cui le rispettive orbite portano i due pianeti alla minore distanza possibile), per inviare spedizioni con quantità sempre maggiori di provviste, mezzi tecnici e infine coloni umani.

Con finestre di lancio che si aprono ogni 26 mesi circa, occorreranno circa 50 anni per ingrandire l’insediamento umano su Marte in modo da aumentare gradualmente la sua popolazione fino a un milione di abitanti. È ovvio che un insediamento così popoloso non potrà dipendere dalla Terra per la sua sopravvivenza.

Fin dall’arrivo dei primi coloni, il loro obiettivo principale sarà quello di creare una filiera di industrie locali in grado di risolvere, col tempo, ogni esigenza di sopravvivenza usando le risorse fornite da Marte.

Se e quando sarà raggiunto l’obiettivo dell’autosufficienza, allora la colonia marziana

sarà diventata a tutti gli effetti una sorta di “copia di backup” della specie umana. In tal modo, se un’immane catastrofe dovesse cancellare i nostri simili dalla faccia della Terra, l’umanità non si estinguerebbe: i coloni su Marte potrebbero un giorno ripopolare la Terra o, magari, decidere di avventurarsi verso il sistema solare esterno, creando altri avamposti umani sulle lune di Giove o di Saturno.

Proposto da chiunque altro, un progetto simile sarebbe bollato come il delirio di un pazzo. Ma, se il promotore è Elon Musk, c’è da prenderlo molto sul serio! È qui, infatti, che il genio imprenditoriale entra in gioco.

La Nasa ha stimato in 50 miliardi di dollari il costo per mandare un equipaggio di soli 5 uomini su Marte: 10 miliardi per astronauta. Musk pensa di poter ridurre questo costo a soli 500.000 dollari a persona. E forse di poter scendere addirittura a 100.000 dollari, quando il viaggio su Marte sarà diventato routine. Ma saranno gli stessi