Coelum Astronomia 205 - 2016 - Page 79

www.coelum.com

79

Come spiegato nel paragrafo precedente, quelle strutture marziane che sembrano barche dallo scafo sottosopra indicano il livello della superficie del pianeta in un tempo passato, via via erosa dal vento. Ma dove è andato a finire tutto quel materiale mancante? Ci sono altre regioni di Marte che presentano mantelli di materiale sottile, spessi diversi metri, depositati dal vento. La storia di Marte negli ultimi miliardi di anni, è stata dominata da processi eolici: il vento setaccia e rimuove materiale che viene trasportato finché il vento non diventa troppo debole per farlo. E questo accade in continuazione. Su Marte, i segni di erosione e deposizione di materiale, o in altre parole le modifiche del paesaggio, sono definite dai venti, a loro volta guidati dai cambiamenti climatici. Al contrario, la maggior parte dell’evoluzione dei panorami terrestri, è dovuta all’acqua e alla tettonica ed è solo nei deserti asciutti e tettonicamente stabili che il paesaggio comincia ad assomigliare a quello che vediamo su Marte.

La flotta di “barche di roccia” di Marte

Per molti versi, è la bellezza del paesaggio marziano che mi ha portata a studiarlo. Molti pensano che un deserto non sia altro che una landa desolata e senza vita, per cui non vale la pena di visitarla o di prenderla in considerazione. Ma coloro che hanno visitato un deserto e hanno realmente compreso le forze che gli hanno dato e continuano a dargli forma, possono comprendere la sua cruda bellezza. Marte è uno splendido esempio di deserto freddo, che offre uno sconfinato panorama che rivela le lente ma inesorabili forze che lo rendono ciò che è. Studiamo Marte da un lato perché è molto diverso dalla Terra (non c’è vita, non c’è attività tettonica, né ci sono oceani) e dall’altro lato perché è in qualche modo così simile alla Terra (mostra un’attività meteorologica, delle stagioni e ha calotte polari). Si tratta di un laboratorio di dimensione planetaria pieno di esperimenti per gli studiosi che si chiedono “che succede se facciamo questa cosa?” oppure “perché questa cosa fa questo?”, cosicché possiamo prendere ciò che apprendiamo da questo ambiente esotico e applicarlo qui sulla Terra, per rendere il nostro stesso mondo migliore. E mentre facciamo tutto questo anche per te, tu resta pure seduto e goditi la vista di questi sorprendenti panorami, perché sono davvero meravigliosi!

Conclusione