Coelum Astronomia 205 - 2016 - Page 178

178

Coelum Astronomia

"Come Se...

Ombre dell'universo"

LIBRI IN USCITA

Mario Rigutti

Editore: CreateSpace Independent Publishing Platform, febbraio 2016

Copertina flessibile: 274 pagine

Prezzo: € 7,59

Formato Kindle: € 2,63; 1386 KB

In questo libro, Mario Rigutti, già fisico solare dell'Osservatorio di Arcetri, Firenze, professore di Astronomia dell'Università degli Studi Federico II di Napoli e direttore dell'Osservatorio astronomico di Capodimonte, ripercorre le tappe principali del cammino della scienza e della tecnologia. Come tutte le storie dell'uomo anche questa, cominciata nei tempi remoti della preistoria, arrivata alle conquiste stupefacenti del nostro tempo e probabilmente senza fine, non presenta

"Il futuro nello spazio

L’ultima frontiera dell’uomo e la tecnologia per esplorarla"

di Chris Impey

traduzione di Giovanni Giri

Codice Edizioni, agosto 2016

Formato: pp. 352

Prezzo: € 21,00

Il libro in cui la saggistica scientifica

incontra Star Trek.

Lo spazio come ultima frontiera del bisogno

dell’uomo di esplorare e viaggiare.

«Uno dei migliori libri sui viaggi nello spazio

che abbia mai letto. Divertente e istruttivo».

John Gribbin, “The Wall Street Journal”

quei caratteri di linearità che, in genere, si immagina. Scoperte, invenzioni, certezze e dubbi, aspetti luminosi e oscuri, si sono succeduti nel corso dei secoli mostrando quanto siano state incerte – e quindi possano esserlo ancora – le interpretazioni che l'umanità ha dato dei fenomeni naturali e dell'intero universo che la circonda.

Di questa precarietà si è persa, tuttavia, la percezione perché il grandioso sviluppo scientifico e tecnologico degli ultimi quattro secoli ha inciso in modo così profondo sulla nostra mente e sulla nostra vita da far sì che, oggi, l'uomo comune creda quasi ciecamente nella scienza, dimenticando che questa, in quanto creazione umana, è soggetta ai limiti che caratterizzano ogni prodotto della fantasia e dell'ingegno. Quanto saremmo disposti a scommettere, infatti, ci si potrebbe domandare, che tutto ciò che diciamo dell'universo si dirà, tale e quale, in un futuro più o meno remoto? Il "messaggio", non soltanto sottinteso, del libro è un invito a credere alla bellezza della scienza ma non rinunciando a un minimo di senso critico, poiché dietro a quello che risplende, ed è molto, ci sono anche le zone di oscurità che vanno dalle semplici incertezze, ai limiti della mente umana, fino alle vere e proprie tragedie dell'umanità nelle quali anche la scienza ha avuto e, per come ormai stanno le cose, certamente avrà, il suo terribile ruolo.

L’istinto dell’esplorazione e dello spingersi oltre è da sempre il motore della conoscenza e del progresso. La storia dell’uomo potrebbe essere letta come un continuo “andar via di casa”: dai primi Homo sapiens che lasciarono l’Africa 200.000 anni fa alle frontiere più avanzate della ricerca spaziale, che ci racconta Chris Impey, astronomo e professore universitario inglese, in questo libro.

Oggi il bisogno della scoperta si traduce in uno scenario da fantascienza, a cui enti governativi ma anche aziende e privati lavorano da anni: ascensori spaziali che sostituiscono i razzi a un decimo del costo, esperimenti di sospensione e rianimazione della vita per viaggi nel cosmo lunghi decenni, vele solari che permettono letteralmente di navigare nello spazio. Il futuro nello spazio ci mostra come i viaggi stellari non saranno più appannaggio esclusivo dei militari o della NASA, ma il logico destino delle generazioni a venire. Perché continuare l’esplorazione significherà garantirci la sopravvivenza.