Coelum Astronomia 205 - 2016 - Page 146

146

Coelum Astronomia

NGC 7490, la sosia di M101

Nella parte più settentrionale della costellazione, circa 5° a nord di Scheat (fuori dal Quadrato, quindi) e in una regione tutto sommato solitaria, priva di oggetti degni di nota, è presente un’altra curiosità: la galassia NGC 7490, “sosia” quasi perfetta, nella forma, di M101! E' questa una bella spirale di dodicesima grandezza, certamente non grande come la più nota spirale del Grande Carro ma che, pur con i suoi 2,7' di diametro angolare, rivela la sua elegante struttura con le braccia ampiamente aperte. Lontana 270 milioni di anni-luce, questa galassia venne scoperta l'11 ottobre 1879, individuata assieme ad altri 417 oggetti del catalogo NGC assieme al ben noto “quintetto” già citato. All'osservazione telescopica, presenta un nucleo abbastanza brillante, ma le braccia sono del tutto impercettibili vista l'estrema sottigliezza delle stesse; la loro ampia estensione, tuttavia, rende questa galassia davvero grande nelle dimensioni reali.

Sopra. La galassia NGC 7490, “sosia” quasi perfetta, nella forma, di M101. Crediti: SDSS Collaboration www.sdss.org.

L’elusiva Nebulosa Jones 1

Iniziando ora a spostare l'attenzione verso l'angolo nord-orientale del Quadrato, andiamo a rintracciare il nostro prossimo obiettivo, una grande ma sconosciuta nebulosa planetaria: Jones 1. Si staglia al di sopra della metà del lato settentrionale, esattamente 1° a sud-est della stella di quinta grandezza 72 Peg, una gigante rossa lontana 548 anni-luce. Puntando il telescopio, non bisogna però restare sorpresi se questo oggetto non si rende subito visibile. La planetaria, infatti, pur spaziando per 5,3' possiede una luminosità superficiale bassa. Si rende tuttavia visibile già con un telescopio da 100 mm di diametro utilizzando un filtro OIII. Osservata con telescopi di maggiore portata, la planetaria si mostra con due archi opposti al buco centrale e non come un disco completo. Fu scoperta nel 1941 da Rebecca Jones, assistente all'osservatorio Oak Ridge ad Harvard su lastre li riprese con un astrografo da 400 mm di diametro.

Sopra. PK 104-29.1, conosciuta anche con il nome "Jones 1", è una nebulosa planetaria molto debole, nella costellazione di Pegaso. In questa immagine al filtro OIII è stato assegnato il canale blu mentre all’H-alpha l’arancione. Crediti: T.A. Rector/University of Alaska Anchorage, H. Schweiker/WIYN and NOAO/AURA/NSF.