Coelum Astronomia 205 - 2016 - Page 143

www.coelum.com

143

Sopra. Questa bella immagine ritrae le galassie NGC 7769, NGC 7770 e NGC 7771.

Crediti: Adam Block/Mount Lemmon SkyCenter/University of Arizona

NGC 7769, NGC 7770 e NGC 7771

Qualche grado a nord è presente φ Peg, una stella gigante rossa di tipo spettrale M2 lontana 462 anni-luce, la cui luminosità varia in modo semi-regolare tra le magnitudini +5,11 e +5,17. Poco sopra essa è presente una piccola ma bella coppia di galassie a spirale, entrambe scoperte da W. Herschel il 18 settembre 1784: NGC 7769, la più orientale delle due e vista esattamente di fronte, ed NGC 7771, che appare rivolta di tre quarti. Lontana circa 200 milioni di anni-luce, quest'ultima è una grande spirale barrata dal diametro pari a 140 mila anni-luce, in evidente interazione con due galassie più piccole appena sotto essa la più luminosa e vicina delle quali, quasi a contatto, è NGC 7770. Oltre a subirne distorsioni mareali nella propria struttura, tali passaggi ripetuti porteranno molto probabilmente le galassie a fondersi tra loro su scale temporali cosmiche. Le interazioni possono essere rintracciati da distorsioni di galassie e flussi deboli di stelle create dalle maree gravitazionali. NGC 7769 è invece lontana 195 milioni di anni-luce, di poco più vicina rispetto alla precedente, ma anche più grande poiché il diametro stimato supera i 180 mila anni-luce, davvero enorme.