Coelum Astronomia 203 - 2016 - Page 79

Allora vi fermate ad ammirarla con il fiato sospeso e vi assale un senso di meraviglia che prima di quel momento non avevate mai provato: avete la consapevolezza di essere privilegiati, in un certo senso, perché lo spettacolo a cui state assistendo è un qualcosa che avevate sognato fin da bambini, una fantasia che ora si sta realizzando sotto i vostri occhi. Riuscite a immaginarlo?

L’idea di esplorare l’ignoto, di vedere con i propri occhi ciò che nessuno ha mai visto, ha sempre suscitato nell’uomo un profondo senso di desiderio e meraviglia. All’epoca in cui Mitchell approdò alla NASA, nella seconda metà degli anni ‘60, la corsa allo spazio era appena iniziata, in bilico tra la cruda realtà della Guerra Fredda e le straordinarie promesse che arrivavano dal rapido sviluppo delle nuove tecnologie. Peccando di entusiasmo, i più ottimisti si erano convinti che sarebbe proseguita fino a raggiungere gli angoli più remoti del Sistema Solare, in un viaggio che ci avrebbe permesso di scoprire meraviglie che fino a quel momento avevamo solo immaginato nelle nostre più fervide fantasie: prima le sabbie rosse di Marte, poi Giove e i suoi satelliti, gli anelli di Saturno e infine via verso Urano, Nettuno e i ghiacci perenni di Plutone.

Sfortunatamente non è andata così: con il passare del tempo abbiamo imparato a conoscere meglio i pericoli dello spazio e ci siamo resi conto che dovranno trascorrere ancora parecchi decenni prima che l’uomo possa camminare su Marte, e forse un tempo molto più lungo per raggiungere le lune di Giove. L’unica cosa che possiamo fare, oggi come in passato, è osservare le immagini dei telescopi e delle sonde, e sognare. Vi siete mai chiesti come sarebbe assistere al tramonto di Giove lungo l’orizzonte di Europa, volare tra gli spettacolari anelli di Saturno, o camminare tra i laghi ghiacciati di Titano? E quali meraviglie potremmo scoprire se, sconfiggendo le leggi della fisica, raggiungessimo la galassia di Andromeda per spingerci poi fino ai limiti dell’Universo conosciuto?

www.coelum.com

79