Coelum Astronomia 203 - 2016 - Page 30

Acromatico Tecnosky Goliath 210/1200

Il nome rivela subito la caratteristica dominante di questo telescopio rifrattore acromatico marchiato Tecnosky: con la sua apertura di ben 21 cm è infatti davvero gigantesco e, dato il suo fuoco corto (1200 mm di focale, f/6 - su richiesta è disponibile però anche in versione F 1800), si presta a straordinarie osservazioni deep-sky e fotografie in banda stretta.

L’ottica è composta da un doppietto con trattamento antiriflesso multistrato spaziato in aria, con le lenti inserite in una robusta cella di alluminio collimabile. L’intubazione, realizzata in Italia, è in alluminio anticorodal da 3 mm con diaframmi interni e un robusto focheggiatore Titanium Tecnosky da 2,7” (vedi foto a sinistra).

Per alleggerire lo strumento, che nonostante la sua mole pesa solo 17 kg, gli attacchi non sono ad anello ma a mezzaluna, sempre robusti ma più leggeri, e collegati tra loro da una lunga barra losmandy Geoptik.

I test condotti dal produttore hanno confermato una correzione ottica globale molto buona ed un cromatismo gestibile su Luna e pianeti con un filtro Baader Semi Apo. Infatti, nonostante sia un telescopio adatto a un utilizzo a ingrandimenti medio-bassi in deep-sky, ha fornito comunque una visione decisamente dettagliata della Luna e di Giove a 170 ingrandimenti, mostrando i dettagli di numerose bande e anche la grande macchia rossa.

Le principali caratteristiche del Goliath 210/1200

Se abbinato a un filtro specifico (come il Daystar Quark o l’Erf 75 Baader) il rifrattore si presta anche all’uso in h-alpha.

Per chi volesse vederlo all’opera è disponibile un esemplare installato all’Osservatorio al AstroBioparco di Felizzano (AL), una struttura che merita comunque di essere visitata e seguita con frequenza per le molte

30

Coelum Astronomia