Coelum Astronomia 203 - 2016 - Page 124

Dopo aver dato spettacolo il 27/28 agosto mostrandosi in congiunzione stretta con Giove, nei giorni successivi Venere proseguirà la sua corsa, arrivando a formare i primi giorni di settembre un triangolo con Giove e Mercurio (quest’ultimo però inosservabile a causa della sua modesta mag. +1,5) sopra l’orizzonte ovest. Triangolo che verso le 19:15 del 2 settembre, si arricchirà dell’arrivo di una sottilissima falce di Luna crescente.

Se le condizioni meteo lo permetteranno, regalandoci un cielo limpido adatto all’osservazione di oggetti bassi sull’orizzonte, la sera del 3 settembre, verso le ore 20:00, una sottilissima falce di Luna (fase 6%) avvicinerà il pianeta Venere (la distanza tra i due corpi celesti sarà di circa 2,5°). Entrambi gli astri saranno già piuttosto bassi sull’orizzonte ovest (alti una decina di gradi).

124

Coelum Astronomia

FENOMENI E CONGIUNZIONI

Il mese di settembre sarà un periodo in cui Giove e Venere (il primo in congiunzione eliaca e il secondo ancora troppo vicino al Sole) saranno inosservabili o visibili con difficoltà, dando così luogo a congiunzioni quasi impossibili da cogliere nel chiarore del crepuscolo. Nonostante ciò, avremo modo di assistere a parecchi altri eventi interessanti.

Per gran parte del mese, inoltre, come in agosto Marte, Saturno e la bella Antares continueranno a danzare a poca distanza tra loro, creando un terzetto suggestivo cui si aggiungerà successivamente anche la Luna.

Uno dei fenomeni più interessanti riguarda proprio il nostro satellite naturale: dopo un lungo periodo di assenza, tornerà visibile anche nel nostro paese un’eclisse di Luna, seppure solo parziale e di penombra.

1 - 3 settembre - Congiunzione tra Luna e Venere

8 - 9 settembre, ore 21:00 - Congiunzione larga tra Luna e Saturno con Marte e Antares poco distanti

La sera dell’8 settembre, verso le 21:00, la Luna quasi al Primo quarto raggiungerà lo Scorpione, entrando in congiunzione larga con Saturno e Marte.

Sopra l’orizzonte sudovest, Luna e Saturno passeranno a una distanza di circa 3° 20' tra loro, nel cielo della costellazione dell’Ofiuco. La Luna si mostrerà con fase 43% mentre Saturno splenderà di magnitudine +0,5 (altezza 11,5° circa).

Guardando più ad ampio campo, sarà possibile trovare anche il pianeta Marte poco distante, guardando in direzione sud, a poco più di 9° di distanza. Più in basso è invece possibile scorgere Antares, nella costellazione dello Scorpione (mag. +1,0). Questo particolare quartetto (Luna, Marte, Saturno e Antares) si ripresenterà anche la sera del 9 settembre, verso le 22:00, con la Luna che si sarà spostata a sovrastare Marte (a una distanza di 7,5° circa).