Coelum Astronomia 199 - 2016 - Page 79

Registar 1.0.9

modalità MF. Non da meno anche la presenza di un diaframma circolare a nove lamelle, che in astronomia si traduce in dischi stellari privi di punte, ma questa è più una questione di gusti. Il nuovo Tamron è predisposto per l’aggiornamento del firmware e, cosa poco comune, è fornito con il software SILKYPIX Developer Studio che, oltre a consentire regolazioni di base sui file RAW e immagini, permette di controllare in post-produzione le varie eventuali aberrazioni residue, frange di colore, distorsione, e luce periferica fall-off, fornendo anche un ricco database di preset relativi ai vari obiettivi dello stesso produttore. Al momento di redigere queste note, il prezzo non è stato ancora comunicato.

http://www.tamron.eu/it

Vi svelo un segreto: dietro alle immagini di gran parte degli astrofotografi più apprezzati in giro per il mondo c’è il software RegiStar. Questo programma è sovente l’asso nella manica per il raggiungimento di risultati impeccabili. Eppure non è noto ai più e una ragione, a pensarci, forse c’è. Chiariamo sin da subito che RegiStar non serve per l’elaborazione, ma prepara certamente la base su cui lavorare al meglio perché il suo compito principale è quello di mettere a registro le immagini e quindi unirle, potendo sfruttare una rosa di possibili combinazioni come l’overlay, il massimo, la media, la mediana, la somma nonché la sottrazione e la differenza. Ogni singola immagine può essere calibrata e scomposta nei canali RGB e ricombinata a piacere. Sì, cose che riescono a fare tanti software, è vero, ma RegiStar utilizza algoritmi talmente raffinati che gli permettono di eseguire queste operazioni con estrema precisione e nettamente meglio rispetto alla media, al punto da “riconoscere” i campi che si desidera mettere a registro anche quando sono stati ripresi con strumenti e FOV molto diversi, ovviamente entro certi limiti. Dal suo rilascio, avvenuto nel maggio del 2000, RegiStar di Auriga Imaging ha subito negli anni regolari perfezionamenti sino alla più recente versione 1.0.9, rilasciata in febbraio.

Prima di tutto il software è stato adeguato alle possibilità delle macchine attuali, per cui alcune

www.coelum.com

79