Coelum Astronomia 198 - 2016 - Page 28

Per mesi si sono rincorsi pettegolezzi incontrollati, degni delle peggiori riviste scandalistiche. Notizie non confermate hanno rimbalzato dall’Italia agli Stati Uniti ma, al contrario del gossip della vita di tutti i giorni, riportavano tutte gli stessi dettagli, nonostante le fonti fossero indipendenti tra loro. Già questo era un chiaro sintomo che qualcosa di vero poteva esserci, che la scoperta del secolo era davvero stata fatta.

Questa ormai è storia vecchia che a nessuno più importa, perché con una conferenza stampa storica, un articolo che guadagnerà presto l’attenzione di tutti i futuri libri di fisica, astrofisica

È la notizia scientifica del 2016. L’osservazione, attesa da un secolo, delle onde gravitazionali previste da Albert Einstein nella sua teoria della Relatività Generale. Un traguardo rivoluzionario, che cambia il nostro sguardo sull’universo.

L’importante risultato è stato raggiunto grazie ai dati dei due rivelatori gemelli LIGO (Laser Interferometer Gravitational-wave Observatory) e dal lavoro delle collaborazioni scientifiche LIGO e VIRGO.

È confermato:

osservate per la prima volta le onde gravitazionali!

In alto. Lo screenshot del primo twit di Lawrence Krauss, fisico teorico di fama internazionale, che il 25 settembre ha dato il via a rumors, scetticismi e entusiasmi.

In cima alla pagina. Rainer Weiss, cofondatore dell'Osservatorio LIGO con Kip Thorne e Ronald Drever, conferma la prima osservazione di un'onda gravitazionale durante la conferenza stampa in diretta da Washington DC.

11 febbraio 2016

28

SPECIALE ONDE GRAVITAZIONALI