Coelum Astronomia 198 - 2016 - Page 113

In occasione della prossima opposizione di Giove dell’8 marzo, desideriamo riproporre una difficile sfida ai lettori di Coelum. Si tratta di un mistero osservativo di cui si parla spesso, ma che ancora oggi non ha trovato una risposta definitiva: si possono scorgere a occhio nudo i satelliti di Giove?

È fuor di dubbio che la luminosità dei galileiani, con magnitudini medie comprese tra la +4,5 e la +5,5, dovrebbe in via teorica garantire la loro osservabilità anche senza l’ausilio di strumenti ottici. E anche le loro distanze angolari da Giove, a ben guardare, sembrerebbero più che sufficienti per una comoda separazione ad occhio nudo, almeno per quanto riguarda i due più esterni. La stessa teoria, ma soprattutto il buon senso, ci dicono infatti che Ganimede e Callisto dovrebbero essere i più facili (o se preferite, i meno difficili) da scorgere, mentre per Europa le probabilità calano di parecchio; pochissime o nessuna speranza, invece, di vedere il piccolo Io che si mantiene sempre troppo vicino al gigante gassoso.

Leggi l'articolo completo su Coelum n. 165.

L’illustrazione a destra in stile “pulp” sintetizza allo stesso tempo il problema e la soluzione nel tentare l’osservazione ad occhio nudo delle lune medicee. Se si vuole riuscire nell’impresa è assolutamente necessario mascherare la preponderante luce del pianeta.

Una sfida osservativa

I satelliti di Giove a occhio nudo?

Nel grafico a sinistra. L’astronomo americano Bradley Schaefer nel suo articolo "Glare and celestial visibility" del 1991 ha pubblicato un grafico che definisce l’andamento della curva di detezione di un satellite di Giove in base alla sua elongazione e la sua luminosità. E lo fa confrontando la curva propria di un osservatore dalla vista normale (in alto) e quella di un osservatore dalla vista eccezionale (in basso). Le curve possono essere lette in questo modo (seguire la linea verde): l’osservatore normale sarebbe in grado di vedere nei pressi di Giove un oggetto distante 6' solo nel caso fosse di mag. +3,7, mentre l’osservatore con la vista acuta ci riuscirebbe anche se fosse di mag. +5,8.

Ci hai provato? Parlacene sulla nostra pagina facebook!

113