Coelum Astronomia 197 - 2016 - Page 20

Scoperto un nuovo pianeta nel Sistema Solare? Non proprio

di Daniele Gasparri - Astronomia per Tutti

Nuovi indizi su un nono pianeta nascosto ai confini del Sistema Solare?

I calcoli pubblicati sull’Astronomical Journal da Michael Brown

(lo scopritore di Eris)

e Konstantin Batigyn,

confermerebbero

la sua esistenza…

Ma di cosa si sta parlando esattamente?

Ha fatto rapidamente il giro del web e come al solito alcuni siti, anche importanti, hanno cavalcato con grande entusiasmo la notizia appena diffusa ma l’hanno fatto, come solito, nel modo (o con tono) sbagliato. La notizia riportata da alcune parti (evito di fare nomi) è la seguente:

"è stato scoperto un nuovo pianeta nel Sistema Solare, molto distante e almeno 10 volte più massiccio della Terra".

In pratica una via di mezzo tra il nostro pianeta e il gigante gassoso Nettuno. Detto in questi termini, però, l’annuncio trionfalistico è falso: non è stato scoperto nessun pianeta di questo tipo nel nostro Sistema Solare e con piacere noto che questa volta la gran parte dei mass media, soprattutto online,

Nell'immagine in alto.

Una rappresentazione artistica dell'ipotetico nono pianeta.

Si pensa che il pianeta possa esseregassoso, simile a Urano e Nettuno oppure una superterra. Image Credit: Caltech/R. Hurt (IPAC)

20

ha riportato la notizia in modo corretto.

La notizia in realtà è ben diversa da quanto è stato in più luoghi raccontato.

Come faccio a saperlo? Sono il solito disfattista? Nient’affatto!

Quando si viene raggiunti da un annuncio scientifico, a maggior ragione se sembra incredibile, occorre sempre fare un minimo di lavoro di ricerca e risalire alla fonte primaria.

La cosa positiva è che tutte le scoperte scientifiche vengono pubblicate, con calcoli/osservazioni/dimostrazioni convincenti su riviste specializzate che passano al setaccio l’articolo prima che venga pubblicato per vedere se contiene errori, inesattezze o veri e propri strafalcioni. In pratica, questo evita la pubblicazione di bufale, il ché, nell’anarchia informativa di internet, è una bellissima cosa. Nel nostro caso, la fonte primaria è un