Coelum Astronomia 197 - 2016 - Page 17

17

e blu (a imitare il Sole), terra e acqua come si fa sulla Terra e la ricetta è riuscita. A prendersi cura della piantina, oltre a Kelly, c’è anche Tim Peake dell’ESA.

Come si legge sul sito della NASA, gli astronauti hanno dovuto affrontare anche diversi inconvenienti, tutti però previsti nella tabella di marcia dell’esperimento. Quindi problemi come muffa, guttazione (dovuta a un’eccessiva umidità) ed epinastia (il fenomeno che porta le foglie a piegarsi), così come qualche foglia morta. Proprio questi incidenti di percorso (che sulla Terra avrebbero mandato in malora un intero raccolto) hanno permesso ai ricercatori di studiare meglio – se è possibile – la crescita di queste piante in condizioni estreme, come la microgravità. La responsabile del programma Veggie della NASA Gioia Massa ha spiegato: "È vero che le piante non sono cresciute perfettamente, ma abbiamo imparato molto da questo. Stiamo imparando molto sulle piante e sui fluidi. Indipendentemente dal risultato finale della fioritura avremo guadagnato molto".

Il primo raccolto del programma Veggie (partito a maggio 2014) è stato di lattuga, anche se l’intero processo di coltivazione ha subito diversi rallentamenti e incidenti di percorso. Solo lo scorso 10 agosto, dopo diversi mesi di tentativi ed errori, sono state raccolte le prime foglie di insalata veramente commestibili.

I fiori di Zinnia non sono stati scelti solo per la loro bellezza, ma soprattutto perché possono aiutare gli scienziati a capire come i fiori nascono e crescono in condizioni di microgravità. "L’impianto del raccolto di Zinnia è molto diverso da quello della lattuga – ha detto Trent Smith, project manager del programma Veggie – È più sensibile ai parametri ambientali e alle caratteristiche della luce. La Zinnia cresce in 60-80 giorni, quindi, è una pianta più difficile da coltivare". Nonostante ciò, i ricercatori sono arrivati alla fioritura e questo promette bene per il futuro: si pensa infatti già alla coltivazione di pomodori, i cui semi dovrebbero arrivare nell’astro-serra nel 2017.

Cos'è Veggie

Il Vegetable Production System (chiamato Veggie) è un'unità studiata per la crescita di piante in condizioni di microgravità, in grado di produrre colture vegetali con il fine di fornire agli equipaggi in missione nello spazio una fonte appetibile, nutriente e sicura di alimenti freschi. Il Veggie fornisce alle piante coltivate illuminazione e i nutrienti necessari, ma utilizza l'ambiente della cabina come fonte di anidride carbonica per promuovere la crescita delle colture e per il controllo della temperatura.

Curiosità

Molti media hanno riportato la notizia parlando del primo fiore in assoluto nato nello spazio. Lo stesso Kelly lo dice nei suoi tweet. Anche noi abbiamo inizialmente creduto che si trattasse di un vero primato, in realtà però è necessario precisare che si tratta del primo esperimento formale di crescita di fiori sulla ISS. In passato infatti altri astronauti, russi e americani, hanno già ottenuto fioriture nell'orbita terrestre.