City Life Magazine 39 - Page 74

74 CITY LIFE MAGAZINE N.39 Queste cento aziende nel complesso rap- presentano una parte consistente dei relativi mercati: coprono infatti, nei rispettivi com- parti, il 50,6% dell’energia elettrica generata in Italia, il 42,6% dei volumi di gas distribuiti e il 65,5% di quelli venduti, il 70,2% dell’ac- qua distribuita e il 43% dei rifiuti raccolti. Il calo dei ricavi delle top 100 utility è im- putabile principalmente alle difficoltà in- contrate negli ultimi anni dalle imprese del settore elettrico, il cui fatturato è sceso del 5% rispetto al 2016: questa flessione si ri- percuote anche sugli indici di redditività, nel 2017 inferiori a quelli delle altre imprese e, in alcuni, casi, negativi (ROI -1,23%, ROE 2,7%, ROS -7,9% e Ebitda/ricavi 7,3%). Le aziende degli altri settori hanno invece fatto registrare un aumento dei ricavi, prime fra tutte le utility del gas, che, dopo il forte calo rilevato nella precedente edizione, nel 2017 hanno segnato un +12,2%. Più in generale, le multiutility sono le entità che hanno incre- mentato maggiormente il valore della pro- duzione, facendo registrare un aumento del 6,2%, seguite dalle monoutility dell’acqua (+5%) e dei rifiuti (+8,4%). Dal punto di vista delle prestazioni nel- le attività di produzione ed erogazione dei servizi, le top 100 utility confermano il trend di miglioramento già evidenziato negli anni passati, specie per quanto riguarda i settori ambientali (acqua e rifiuti): in particolare, nel servizio idrico integrato , il tasso di perdite di rete delle aziende prese in esame rimane nettamente inferiore rispetto alla media na- zionale, con un 30% rispetto al 38,2% italia- no, in crescita di 2 punti percentuali rispetto al 2016. Riguardo ai depuratori, peggiora globalmente il rendimento degli impianti, pur restando di otto punti percentuali superiore