City Life Magazine 29 - Page 43

LIGHT AND THE CITY che si occupano di tutte le diverse fasi, dalla progettazione alla fornitura degli apparecchi alla manutenzione. Inoltre gli impianti di illuminazione rientrano nei beni e servizi gestiti dalla centrale d’acquisto della pubblica amministrazione (Consip). Questo complesso sistema che sta tra i produttori e i committenti spesso rallenta il rinnovamento dell’illuminazione, ma ritardare significa sprecare risorse. I vecchi impianti continuano a funzionare con consumi eccessivi e alti costi di manutenzione. Il sistema delle gare non sempre premia la qualità. Spesso la compe- tizione finisce per essere esclusiva- mente sul prezzo più basso e questo penalizza i produttori che investono sulla ricerca e sulla qualità dei loro prodotti. Infine credo sia importante coin- volgere di più anche i cittadini, per esempio sottolineando come un nuovo impianto luci a risparmio energetico può lasciare ai Comuni maggiori risorse da investire in altri servizi pubblici. Disano è uno dei marchi storici dell’illuminazione made in Italy. La globalizzazione del mercato in questo settore ha coinciso con un cambiamento tecnologico che ha messo in gioco nuovi produt- tori, anche provenienti da settori diversi. Come si può proteggere e valorizzare la qualità dei prodotti, anche a tutela degli investimenti pubblici e privati sull’illumina- zione? 43